Archivi categoria: favole turche

The rise of Turkish soap power

Standard

Magnificent Century

As Turkish soap operas reach increasing numbers of viewers in the Arab world, the sight on TV screens of Muslims drinking alcohol or conducting adulterous relationships is becoming commonplace – and the shows have presented a new image of relations between man and woman.

At the start of the protests that recently swept Turkey, journalists picked out one man with a luxuriant beard among the youthful crowds in Istanbul’s Taksim Square.

Later he met the Turkish PM as part of a group hoping to mediate between the government and demonstrators.

That man is Halit Ergenc and he is internationally famous largely because of his role as a Sultan – hence the beard – in a Turkish TV costume drama, Magnificent Century (Muhtesem Yuzyil), that has been sold to dozens of countries.

Habib Battah

It’s one thing if there were a couple of popular Turkish series, but they are on every single major Arab channel”

Habib BattahBeirut-based media critic and blogger

Set in the Ottoman world, it spins the yarn of Suleiman the Magnificent, the longest reigning Sultan, and his love for a Western woman in his harem, with whom he becomes obsessed, and eventually marries.

About to film its fourth season, it is one of the shows that earned Turkey $130m in foreign sales last year – up from a mere $1m in 2007.

That it looks back 500 years to the era when Turkish Sultans ruled much of the Balkans and the Middle East is perhaps appropriate, as it has been seen in 47 countries mostly from this region.

The exported shows rely on a heady mix of slick production, storylines full of passion and intrigue (there was plenty of that in Suleiman’s court), beautiful actors and actresses, and iconic Turkish locations.

Take Forbidden Love (Ask-i Memnu). It is set in a mansion on the Bosphorus and tells the story of the forbidden passion between a handsome young man, Behlul, and a beautiful young woman, Bihter, who is married to his uncle.

They live under the same roof. You know this is not going to turn out well.

Ask-i Memnu

Behlul is played by Kivanc Tatlitug, who has become a heartthrob in the region and, due to his light-coloured good looks, even been dubbed the “Halal Brad Pitt”.

Ask-i Memnu

Like Magnificent Century, it has its fair dose of love scenes, which may seem tame to a Western audience, but are eye-catching by the standards of Arab countries.

Some 85 million people in the Arab world were glued to the final episode of breakthrough show Gumus (Silver) in 2008, and the audience for Turkish dramas has grown year by year.


Top Turkish titles

1001 Nights (Binbir Gece)
  • Silver (Gumus/Noor), produced by ANS Production. The deep love between a poor girl and a richer husband. Sold to 56 countries.
  • Magnificent Century (Muhtesem Yuzyil), Tims Productions. Massive costume drama set in Suleiman I’s Ottoman world. Sold to 47 countries.
  • Forbidden Love (Ask-i Memnu), Ay Yapim. Forbidden passions in a mansion on the Bosphorus. Sold to 46 countries.
  • 1001 Nights (Binbir Gece), TMC Film. A mother accepts an indecent proposal form her boss to pay for her son’s cancer treatment. Sold to 46 countries.
  • The Fall Of Leaves (Yaprak Dokumu), Ay Yapim. A tight-knit family arrive in Istanbul to face many challenges. Sold to 45 countries.
  • What is Fatmagul’s Crime? (Fatmagul’un Sucu Ne?), Ay Yapim. Fatmagul is raped, and marries Kerim who wrongly believes himself to be the perpetrator of the crime. Sold to 37 countries.

Statistics source: Global Agency, Ay Yapim and Dogan TV Holding

It’s partly because they fill a gap in the market.

“There is definitely a shortage of good scripts and high production values in Arab television,” says Habib Battah, a Beirut-based media critic and author of The Beirut Report blog.

“It’s one thing if there were a couple of popular Turkish series, but they are on every single major Arab channel.”

Previous imports had included soaps from Latin America, but these had less impact, Battah says.

One reason for this is that they were dubbed into classical Arabic, while the Turkish dramas began in 2007 to be dubbed into a Syrian dialect.

This made the stories “more engaging” and “the voice actors more believable”, Habib says.

Another reason is that the Arab audience feels so much closer to Turkish culture than, say, Brazil’s.

Fatma Sapci, head of acquisitions at production company Ay Yapim, which was behind Forbidden Love, says this makes it easy for audiences across the region to consider the show’s actors as “part of their family”.

And these soaps explore family dynamics in challenging ways.

“Turkish serials deal with many issues that Arab television is afraid of dealing with such as gender equality, treason and love affairs, and discussing the subject of illegitimate children born outside of marriage,” says Professor Asli Tunc, head of the Media School at Istanbul Bilgi University.

What is Fatmagul's crime? (Fatmagul'un sucu ne?) What is Fatmagul’s crime? triggered a debate about the law that excuses a rapist if he marries his victim

But possibly the biggest talking point among the audience has been the topic of male-female relations.

Some of these shows speak to female viewers by featuring unorthodox male leads, who are romantic instead of being macho, Tunc says.

Silver/Gumus, for example, depicts a romantic love between the heroine Gumus (called Noor in the Arab world) and her husband Mehmet (Muhannad).

Women would remark to their husbands on how well the lead character treated his wife – it set a romantic ideal where “women are valued, appreciated and adored,” says Mazen Hayek, spokesman for the Saudi-backed Middle East Broadcasting Centre (MBC).

The impact of the show was such that Arab women “started talking to their husbands through Turkish drama”, he says.

The story was thought-provoking for conservative societies where expressions of love are usually private, adds Abdallah Alsalmi, Middle East media analyst at BBC Monitoring.

And because the characters on screen had plenty in common with Arab audiences, it was more controversial as well as easier to relate to, he says.


Dubbing decision

Mazen Hayek

MBC spokesman Mazen Hayek,

In 2007 MBC began dubbing Turkish shows into a Syrian dialect. We wanted to build on the success of popular Syrian drama Bab al Hara.

Previously shows had been dubbed into classical Arabic which created a disconnect for viewers. What they were hearing was much more rigid than what they were seeing.

The Syrian dialect is much closer to how people speak. We opted for professional Syrian voice-over actors and made sure they matched the personality of the characters.

But Dr Dina Matar from the Centre for Media and Film at the School of Oriental and African Studies in London cautions against the idea that the dramas have led to a “fundamental shift” in attitudes toward women in the region.

Instead they have fed into a debate that had already begun, in various shows produced by Arabs and aired on Arab television, she says, as the media space in the Middle East has expanded.

The export of these dramas has occurred in parallel with a push by Turkey’s foreign minister, Ahmet Davutoglu, to boost Turkish cultural power – a policy sometimes described as neo-Ottoman.

While the government has created Yunus Emre Cultural Centres – akin to the British Council or the Alliance Francaise – in a number of countries, the shows have also played their part in presenting a positive image of Turkey.

The Culture Ministry directly links the dramas with a rise in the number of tourists to Turkey from Arab countries in the last five years.

Izzet Pinto, CEO of Turkey’s Global Agency – which distributes Magnificent Century and other top titles – puts it like this: “We are showing our country to millions of viewers. We are showing the beautiful scenery, our lifestyle and traditions.

“So we have a great influence on people through soft power.”

By Nathan Williams

BBC News

Annunci

Le parabole di Mullah Nasreddin Hodja

Standard

nasreddin-hoca-dusunur-fikrasi
Nasreddin era un saggio un po’ speciale vissuto tanti secoli fa in Turchia quando in Oriente regnava il Khan Timur Lang detto Tamerlano. Fu viaggiatore del mondo ed è noto da Buchara a Samarcanda, da Mombasa a Singapore. Le sue gesta e soprattutto le sue sentenze e storielle, solo apparentemente senza senso, hanno lasciato traccia ovunque si sia diffusa la cultura islamica. Quelle storie brevi e buffe si raccontano anche oggi in Iraq, in India e in tanti altri paesi d’Oriente e d’Occidente con nomi e dettagli cambiati, ma con spirito affine. In particolare somigliano a quelle che si raccontano nel Nord Europa e che hanno per protagonista Till Eulenspiegel, o a quelle che nella cultura ebraica vengono attribuite a un rabbino saggio e stravagante e infine ad un personaggio presente nelle culture del bacino del mediterraneo, Giufà in siciliano, Guhâ in arabo e in turco appunto Nasreddin Hodja o Nasreddin Hoca.
Nessuno sa come siano nate, ma la cosa in verità non ha molta importanza. Quello che le ha fatte sopravvivere nei secoli è la tradizione orale, ossia il fatto che sono state tramandate a voce di generazione in generazione e così le radici sono le stesse per tutti i racconti, anche se le varianti sono infinite.StorieLe malelingue

Un giorno, Nasreddin Hodja e suo figlio andavano al mercato. Il figlio cavalcava l’asino, e lui, lo accompagnava a piedi. Un passante brontolò: “Ecco la nostra gioventù moderna, lasciarsi portare tranquillamente dall’asino, obbligando il suo vecchio padre, con il suo pesante turbante, a seguirlo a piedi!”
“Padre, te lo avevo detto!” Mormorò il figlio. “Andiamo, non indugiare e prendi il mio posto.”
Nasreddin Hodja acconsenti. Essi fecero così un pezzo di strada fino a che si sentirono interpellare da un gruppo di paesani: “Ehi Hodja, le tue ossa si sono indurite, sei distrutto dal peso degli anni, perché costringi quest’adolescente, nel fiore degli anni, a zoppicare leggermente dietro di te?”
A queste parole, Hodja non trovò meglio che far montare suo figlio dietro di lui, sulla groppa dell’asino. Non erano andati molto lontano che alcuni individui gli sbarrarono la strada, gridando: “Che gente spietata! Due persone su di un povero asino. E dire che é il nostro famoso Hodja che tollera ciò! Se questa non é una vergogna!”
Questa volta, Nasreddin Hodja, fuori di se, discese subito dal somaro, ed anche suo figlio, e entrambi proseguirono andando dietro l’asino libero del suo carico. Siccome ogni cosa ha una fine, subirono i rimproveri di alcuni mascalzoni che incontrarono poco dopo.
“Che idiozia! Vedere l’asino sgambettare e caracollare in libertà, mentre i suoi padroni, sfidando la polvere e l’intollerabile calore, fanno la strada a piedi! Non si è mai vista una cosa simile!”
“Vedi, figlio mio”, disse Nasreddin Hodja al culmine della pazienza, “ammiro le persone che si sono liberate delle malelingue! Tu, fai come ti sembra meglio e che la gente dica ciò che più desidera, perché le bocche degli uomini non sono un sacco che si possa chiudere!”
Tradotto da Claudio Buffa

L’asino non può leggere più di questo

Un giorno, Tamerlano, aveva ricevuto, in regalo, un asino egiziano di grande valore. Lo fece vedere ai suoi cortigiani che non fecero che elogiarlo. Rivolgendosi a Nasreddin Hodja:
– E cosa ne pensi, tu, di quest’asino?
– In fede mia… secondo me, noto in quest’asino grandi doti Se tu me lo ordini, posso insegnargli a leggere in pochi mesi. Tamerlano, molto incuriosito, rispose:
– Se tu vi riesci, ti ricompenserò bene.
Hodja, per questa storia, si vide accordare un periodo di tre mesi.
Al termine di questo periodo, Hodja portando il somaro per la cavezza, lo portò da Tamerlano, poi, tirando fuori un grande libro che aveva portato con se, lo mise davanti all’animale. Questo, subito, si mise a voltare velocemente, con la lingua, le pagine del libro e a ragliare quasi ad ogni pagina. Tamerlano che si aspettava di vedere un artificio maggiore, domandò ad Hodja come aveva fatto per arrivare a questo risultato.
Hodja, di rimando:
– Ecco… dopo aver lasciato la reggia, ho chiuso l’asino nella scuderia. Quel giorno non gli detti nulla da mangiare. Il giorno dopo feci rilegare un grosso libro e mettere grani d’orzo, tra i fogli. L’asino affamato, sentendo l’orzo, cominciò a voltare le pagine del libro con la sua lingua. Dove non incontrava nulla, mi guardava in faccia e si metteva a ragliare. Ed é così che l’ho abituato a nutrirsi. Un uomo dell’assemblea, per sminuire l’effetto delle parole di Hodja, disse:
– Vediamo… francamente, io non ci ho capito nulla. L’asino ha semplicemente voltato le pagine e ragliato. Che c’è di straordinario in questo?
Nasreddin Hodja, in risposta:
– L’asino non può leggere più di così! Solamente nel caso in cui si vorrebbe fargli apprendere di più, allora bisognerebbe veramente considerare asini noi stessi!
A queste parole, tutta l’assemblea, Tamerlano per primo, rise lungamente e di buon cuore.
Tradotto da Claudio Buffa

I Contadini che ci sapevano fare coi Numeri

Tra i luoghi che il mullah Nasreddin Hodja visitò nei suoi viaggi, c’era un villaggio i cui abitanti erano noti per essere particolarmente esperti nei calcoli. Nasreddin trovò alloggio presso la casa di un contadino. Il mattino dopo Nasreddin si accorse che nel villaggio non c’era un pozzo. Ogni mattina, un membro di ogni famiglia del villaggio caricava uno o due asini con delle brocche per l’acqua vuote, raggiungeva un ruscello ad un’ora di cammino dal villaggio, riempiva le brocche, e le riportava indietro, impiegando un’altra ora.
“Non sarebbe meglio se aveste l’acqua nel villaggio”, chiese l’hodja al contadino presso il quale abitava.
“Oh, molto meglio”, disse il contadino. “ogni giorno l’acqua mi costa due ore di lavoro per l’asino e per il ragazzo che lo conduce. In totale 1.460 ore l’anno, se calcoliamo l’asino uguale al ragazzo. Se l’asino e il ragazzo impiegassero quel tempo a lavorare nei campi, io potrei, per esempio, piantare un intero campo di zucche e raccogliere 457 zucche in più ogni anno”.
“Mi pare che voi abbiate previsto ogni cosa per bene”, disse l’hodja con ammirazione”. E allora, perché non scavare un canale che porti l’acqua al villaggio?”
“Non è così semplice”, disse il contadino. “Sulla strada c’è una collina che dovremmo scavare e togliere. Se utilizzassi ragazzo e asino per scavare un canale, piuttosto che mandarli per acqua, ci metterebbero 500 anni, lavorando due ore al giorno. Io potrò forse campare ancora trent’anni, quindi mi costa molto meno farli portare l’acqua”.
“Sì, ma sarebbe compito soltanto tuo scavare un canale? Ci sono molte famiglie in questo villaggio”.
“Certamente”, disse il contadino, “ci sono esattamente 100 famiglie. Se ogni famiglia mandasse un ragazzo e un asino ogni giorno per due ore, ci vorrebbero cinque anni per finire il canale. E se lavorassero dieci ore al giorno, per finirlo ce ne vorrebbe uno”.
“Allora perché non parli con i tuoi compaesani e gli suggerisci di scavare il canale tutti insieme?”
“Dunque, se devo discutere una questione importante con un compaesano, lo invito a casa mia, gli offro tè e halvah, parliamo un po’ del tempo e delle previsioni per il prossimo raccolto, poi si parla della sua famiglia, delle sue figlie, e dei suoi nipoti. Poi gli offro il pranzo, e dopopranzo prendiamo di nuovo il tè. Poi lui s’informa della mia fattoria e della mia famiglia, poi arriviamo al punto, con piacere e con calma. Per tutto questo ci vuole un intero giorno. Siccome nel villaggio ci sono 100 famiglie, Io dovrei parlare con 99 capofamiglia. Devi ammettere che non posso permettermi di passare novantanove giorni di seguito in queste discussioni. La mia fattoria andrebbe alla malora. Il massimo che possa fare è invitare a casa mia un compaesano alla settimana. Ma se un anno ha cinquantadue settimane, mi ci vorrebbero almeno due anni per parlare con tutti i miei compaesani. Conoscendo i miei compaesani, tutti alla fine concorderebbero che sarebbe meglio avere l’acqua nel villaggio, perché ci sanno tutti fare coi numeri. E conoscendoli bene, ognuno di loro si impegnerebbe a partecipare all’impresa, se anche gli altri lo facessero. Insomma, dopo due anni dovrei cominciare tutto daccapo. Dovrei invitarli a casa mia e riferire che anche gli altri sono d’accordo a partecipare”.
“E’ vero”, disse l’hodja, “ma dopo due anni sareste pronti per cominciare il lavoro. E dopo ancora un anno, il canale sarebbe finito!”
“Esatto”, disse il contadino. “Così gli scansafatiche trarrebbero dal canale lo stesso vantaggio degli altri, ma senza la spesa”.
“Devo ammettere che è così” disse l’hodja.
“Così chiunque ci sappia fare coi numeri cercherà di sottrarsi al proprio dovere. Un giorno l’asino zoppicherà. Un altro giorno il figlio di qualcuno avrà la tosse. E poi si ammalerà la moglie di qualcun altro, e ci sarà bisogno del ragazzo e dell’asino per condurre il dottore. Ma nel nostro villaggio, tutti ci sanno fare coi numeri, così ognuno cercherà di evitare di fare la sua parte. E siccome ognuno di noi sa che gli altri non si ammazzeranno di lavoro, nessuno manderà il suo ragazzo e il suo asino a lavorare. Quindi i lavori per il canale non cominceranno mai.”
“Devo ammettere che i tuoi argomenti sembrano assai convincenti”, disse l’hodja. Rimuginò per un po’, e d’improvviso esclamò, “Ma io conosco un villaggio, dall’altro versante dei monti, che ha esattamente gli stessi vostri problemi, ma sono vent’anni che c’è un pozzo”.
“Bene”, disse il contadino, “evidentemente non ci sanno fare coi numeri”.
Tradotto da Giovanna Rampone

Mullah Nasreddin Hodja
Vedi anche Le storie di Mullah Nasreddin Hodja (Giufà)

Nasreddin è diventato una specie di icona popolare, ma è anche un personaggio realmente vissuto nel XIII secolo, a cui parecchie città turche si contendono l’onore di aver dato i natali.
Vi è anche chi lo dice vissuto alla corte del Khwârezm (odierni Uzbekistan e Turkmenistan) alla fine del XII secolo, o al tempo di Tamerlano tra XIV e XV secolo (vi sono molte storie su Nasreddin e Tamerlano), o ancora a Kûfa, sud dell’Irâq, nell’VIII secolo. Alcuni persino affermano che sia sepolto in Algeria e la sua tomba meta di pellegrinaggi.
Tuttavia il più vecchio racconto su di lui si trova nel Saltukname, opera sulderviscio guerriero Sari Saltuk Dede composta nel 1480 da Ebul Hayri Rumi per il principe Cem Sultan, che contiene varie storie e leggende popolari. NelSaltukname si dice che Nasreddin «nacque a Shivrihisar e che i nativi di Shivrihisar erano famosi per il loro strano comportamento e ingenuità. Lo strano comportamento dei nativi di Shivrihisar è anche menzionato in un libro di racconti manoscritto che si trova nella Bibliothèque Nationale a Parigi. Questi documenti sono considerati prove della sua nascita in Shivrihisar».
Concordemente si esprime nella sua opera Mecmua-i Maarif Hüseyin Efendi, müfti (giureconsulto islamico) di Shivrihisar morto nel 1880, affermando che Nasreddin nacque nell’anno 605 dell’Egira (che va dal 16 luglio 1208 al 5 luglio 1209 dell’era cristiana) nel villaggio di Hortu presso Shivrihisar, cittadina dell’Anatolia centrale più o meno a mezza strada tra Eskishehir ed Ankara, e un po’ più lontana, a nord, da Akshehir (“città bianca”).
Siamo dunque nell’era del potere selgiuchide, quella di Mowlânâ Jalâl-od-Dîn Rûmî, grandissimo tra i mistici, di `Attâr, di Muhyiddîn ibn al-`Arabî, e del massimo poeta mistico turco, Yunus Emre.
La leggenda che Nasreddin conoscesse Tamerlano, invece, nasce dal terzo volume del Seyahatname (“Libro di viaggi”), opera in dieci volumi di Evliya Çelebi (nato nel 1611 ed ancora vivo nel 1683) che descrive i paesi componenti l’impero ottomano e alcuni limitrofi. In tale libro si dice che Nasreddin era di Akshehir, che visse al tempo di Murad I (1326-89) e di Yildirim Han (1389-1402), e che partecipò a riunioni di dotti alla presenza di Tamerlano. Sennonché questa non è una fonte attendibile. Ci dice infatti Alessio Bombaci che l’opera in Turchia non fu presa affatto sul serio, bensì vista come una raccolta di novelle, in quanto l’interesse curioso e appassionato e una grande capacità descrittiva vi si fondono «in definitiva con il più assoluto disprezzo per la verità».

10208059-kocaeli-turchia--19-settembre-uomo-non-identificato-nel-costume-nasreddin-hodja-19-settembre-2010-a-

Vita di Nasreddin
Nasreddin era figlio di Abdullah Efendi, imam del villaggio di Hortu, e di Sidika Hatun, e studiò nella scuola teologica (medrese) di Shivrihisar e nella scuola hanefita di Konya. Morto il padre divenne a sua volta imam del villaggio per anni, finché nel 1237 si trasferì ad Akshehir, dove studiò con famosi eruditi del suo tempo come Seyid Mahmud Hayrani (morto ad Akshehir nel 1268-69) e Seyid Haci Ibrahim. Pare che due vakifname (atti di pia donazione), scritti rispettivamente da Hayrani nel 1257 e da Haci Ibrahim nel 1267, riportino il suo nome.
Nel Saltukname si dice anche che Sari Saltuk fu discepolo di Hayrani insieme a Nasreddin, a cui avrebbe in un’occasione fatto visita ad Akshehir.
Successivamente Nasreddin divenne professore alla scuola teologica della città e funse anche da giudice (kadi), caratterizzandosi, se si sta a quanto se ne racconta, talvolta per la severità e talvolta per l’umorismo. Ebbe, si tramanda, una o due mogli, due figlie (di cui una di nome Fatima) e un figlio.

Secondo alcuni Nasreddin «morì all’età di sessant’anni ovvero nell’anno 673 (A.D. 1274-75)», ma ragioni abbastanza solide indicano che morì piuttosto, come indica Hüseyin Efendi, ad Akshehir a 76 anni, nel 683 dell’Egira (che va dal 20 marzo 1284 all’8 marzo 1285).
«Grande attenzione – scrive Alpay Kabacali – ha ricevuto la data 386, che è stata trovata incisa su una lapide. In considerazione del suo senso dell’umorismo, la data è stata letta al contrario. Ora, l’anno 683 del calendario islamico corrisponde agli anni 1284-85».
Su tale epitaffio, ritrovato ad Akshehir, condusse ricerche Bursali Mehmed Tahir Bey, e fu Fuad Köprülü, in un suo libro in cui per primo si occupò di Nasreddin Hoca come personaggio storico, a darne notizia nel 1918.
Anche secondo Ibrahim Hakki Konyali, un altro storico, quello fu il primo epitaffio mai trovato che riguardasse Hoca. Lo stesso Konyali poi, mentre faceva ricerche sulle colonne della sua tomba, trovò un’altra iscrizione che dice: «La scrittura perdura, la vita è transitoria, l’uomo è peccatore, Dio è clemente. Questo fu scritto da Mehmed tra i soldati del grande Yildirim Bayezid nell’anno dell’Egira 796».
Ora, dall’aver trovato sulla sua tomba questo riferimento al 796 (1393-94) consegue che evidentemente Nasreddin morì prima, mentre il contenuto dell’iscrizione fa pensare che la tomba fosse da tempo meta di pellegrinaggio.
Un’altra lapide, trovata a Shivrihisar e successivamente trasportata dapprima al Museo Mevlâna di Konya e poi al Museo di Akshehir, appartiene alla figlia Fatima, e riporta la data 727 (1326-27), indicando così che morì 43 anni (44 del calendario islamico) dopo il padre. Si è poi trovato il nome di Nasreddin anche su un’altra lapide presso la sua tomba. Riflette lo stile selgiuchide ed è ora anch’essa al Museo di Akshehir.
Il monumento sepolcrale di Nasreddin ad Akshehir, di aspetto gradevole, sormontato da una vasta cupola a coste sostenuta da molte sottili colonne, ne ha sostituito, all’inizio del ventesimo secolo, un altro più antico che ancor meglio simboleggiava l’assurdità nella vita che egli si era tanto preoccupato di evidenziare da vivo e che addirittura, secondo taluni racconti, sarebbe stato costruito su sua indicazione: anch’esso a cupola, ma con sole quattro colonne; tre lati aperti; nel quarto, saldamente murata, una porta chiusa da un enorme lucchetto, ovviamente del tutto inutile secondo il comune intendimento; e nella tomba stessa un foro, da cui Nasreddin poteva seguitare ad osservare il mondo…

nh02

trovato sul web qui:http://www.riflessioni.it/