Archivi categoria: segreti

APP: the best pictures of Istanbul (and beyond ..) directly on your iphone or ipad! Wonderful!

Standard

http://www.padplaces.com/stories-pages/Sulukule.html

re-or-pad-02
©Andrea Pistolesi

splash-home
©Andrea Pistolesi

Un’idea fantastica! Un regalo a tutti quelli che come me amano scoprire il nuovo,il diverso in giro per il mondo,il “dietro le quinte turistiche” di Istanbul e di molti,molti altri magici luoghi! Per chi apprezza la bellezza del viaggiare,a volte senza uscire di casa,a volte prima di partire. E anche per quelli che semplicemente apprezzano una bella fotografia d’autore. Una soluzione pratica,semplice,veloce e bellissima per godersi ovunque e magari condividere scoperte di nuovi posti,o ricordare posti già visitati con amici nelle straordinarie immagini di un rinomato fotografo di viaggi italiano, Andrea Pistolesi, attraverso la sua geniale applicazione per iphone e per ipad dove racconta (con le sue fotografie,e ci ha promesso in breve con racconti dei suoi viaggi! e viva!) il suo girovagare per il mondo.

l’indirizzo del sito di Padplaces : http://www.padplaces.com/Home.html

e il link per scaricarlo (è pure gratis!!): http://itunes.apple.com/app/padplaces/id398338187?mt=8

GIPSY FORBIDDEN NIGHTS IN ISTANBUL

BTI22EZ0363
©Andrea Pistolesi

ISTANBUL MUSIC

BTI31K2370
©Andrea Pistolesi

ISTANBUL GRAND BAZAAR

BTI33M0163
©Andrea Pistolesi

Pandeli Restaurant

Standard

576179_446095138757691_926066429_n

Pandeli’s cuisine was meant to be identified with the finest oriental gastronomy of the 20th century as its ingenuity was acquiring universal appreciation.
Shimmering Iznik tiles of 17th century in shades of cobalt, azure and aqua overlooking Golden horn, Galata Bridge and Bosporus through the narrow framed windows in front, Byzantine domes with antique ceiling chandeliers..
The Athens’ Pandeli is established at the beginning of 2003 at Kifissia and tightly bounded with Istanbul history. Discrete decoration elements, smells and oriental flavors, utensils and objects, authentic cuisine with respect to the tradition.

Governors and men of letters, politicians, journalists and artists but mostly good eaters is the clientele of Pandeli. The old chef’s grandchildren embrace this particular heritage with love and care and they keep going on this unique way of taste, the Pandeli’s way.

The New York Times Travel Rewiev:

“Pandeli is one of those neighborhood traditions that is known more for its location and longevity than for anything particularly outstanding about the food. Pandeli was opened in 1901 by a Greek of Turkish descent and has become a local institution ever since its arrival on the upper level of the Egyptian Spice Bazaar. It’s a popular place among businessmen on expense accounts as well as for bazaar shoppers looking for a place to eat. If you nab a table in the main room facing the ancient blue Iznik tiles and windows overlooking the bazaar, you can watch the human traffic come and go.”

558402_454663674567504_857932196_n 1002172_625788370788366_485196693_n 558367_446207098746495_1616023210_n 548118_446146365419235_1364308421_n
Opening Times:

Open for lunch daily, except for Sundays, when bazaar is closed as well

Avr. Price per person:

75 TL – over

Payment:

Credit Card

Cash

Adress:

Misir Carsisi No. 1 Eminonu

Telefon:

(212) 527 39 09

Segreti di quartiere: Üsküdar….

Standard

17609_10200718229663354_1604084771_n

Nei canti ottomani il ” fuoco negli occhi scuri di Üsküdar”, ovvero il riflesso del sole al tramonto sulle case di legno della sponda asiatica , era un tema ricorrente. La vista piu bella su Istanbul, tuttavia , si ha della stessa Üsküdar. Di fronte alla storica penisola , proprio davanti alla Kiz Kulesi, ci si può sedere sul lungo mare in cemento allestito a mò di terrazza. D’inverno come d’estate , questo punto panoramico non è frequentato da solo coppiette, bensi da tutti coloro che desiderano ammirare il tramonto sullo sfondo del palazzo topkapi,un momento indimenticabile.i chioschi buffe sono aperti fino all’una del mattino (arrivate a piedi 15 minuti dall’imbarcadero di Üsküdar seguendo la sponda). 62119_10200718228743331_1891186124_n

Not only…. Istanbul!

Standard

Per chi ancora insiste in credere che Istanbul è solo minareti,moschee,donne velate e kebap! Adoro questi video e questo sito!!!!

http://www.notonlyistanbul.com

 

Curiosità di quartiere:Sultanahmet

Standard

Il Four Season Hotel era….La prigione di Sultanahmet!

Four-Seasons-Hotel-at-Sultanahmet-image-selection

Non ci sono molti hotel di lusso nel mondo che possono vantarsi  di una volta essere stati un penitenziario criminale, ma il Four Season a Sultanahmet era, fino al 1982, una prigione il cui più noto detenuto era probabilmente Billy Hayes, il trafficante amatore dietro il famigerato “Fuga di mezzanotte” (durante le riprese si utilizzò una struttura sostitutiva a Malta). Altri detenuti famosi, molti dei quali prigionieri politici, inclusi gli scrittori Nazim Hikmet e Yasar Kemal, e il vignettista Orhan Coplu.
Costruito nel 1919, ha l’iscrizione originale ancora sopra la porta che recita “Istanbul Criminal Detention Center  “, per fortuna in caratteri arabi così la maggior parte gli ospiti non possono leggerlo!

26fb87 Four-Seasons-Hotel-Istanbul-at-Sultanahmet 443490_17_b fourSeasonsSultanAhmet 340702 f6454bf5294f7a8f6d034f1632df167d-1869670931-1301733268-4d96df94-620x348Four_Seasons_Istanbul-Istanbul.thumb

Segreti di quartiere:Karaköy

Standard

Una moschea sotto terra!

Kurşunlu-Mahzen-Cami

La Yeralti Camii è uno dei piu grande inaspettati tesori di Karakoy.Una piccola moschea sotterranea nascosta tra i negozi di Kemankes Caddesi. Si crede che una torre sorgeva originariamente su questo luogo,dove era stata legata la catena che è stata appesa di fronte al Corno d’oro per chiuderlo ed evitare l’entrada degli intrusi (tratti di questa catena ancora si trovano nei musei navali e militari). Dopo che la torre è stata demolita dopo la conquista ottomana di Istanbul, il sito è stato utilizzato in passato come deposito di polvere da sparo. Poi un santuario è stato costruito all’interno del seminterrato. Dopo, nel 1640, un seyh (capo religioso) della setta Nakshibendi ha affermato di aver trovato i corpi di due uomini uccisi durante l’assedio arabo di Bisanzio nel 7 ° secolo. Nel 1757 il Gran Visir Kose Mustafa Pasa ha pagato per avere il santuario trasformato in moschea.

22955 staticmap images (32)