Archivi categoria: storia

The rise of Turkish soap power

Standard

Magnificent Century

As Turkish soap operas reach increasing numbers of viewers in the Arab world, the sight on TV screens of Muslims drinking alcohol or conducting adulterous relationships is becoming commonplace – and the shows have presented a new image of relations between man and woman.

At the start of the protests that recently swept Turkey, journalists picked out one man with a luxuriant beard among the youthful crowds in Istanbul’s Taksim Square.

Later he met the Turkish PM as part of a group hoping to mediate between the government and demonstrators.

That man is Halit Ergenc and he is internationally famous largely because of his role as a Sultan – hence the beard – in a Turkish TV costume drama, Magnificent Century (Muhtesem Yuzyil), that has been sold to dozens of countries.

Habib Battah

It’s one thing if there were a couple of popular Turkish series, but they are on every single major Arab channel”

Habib BattahBeirut-based media critic and blogger

Set in the Ottoman world, it spins the yarn of Suleiman the Magnificent, the longest reigning Sultan, and his love for a Western woman in his harem, with whom he becomes obsessed, and eventually marries.

About to film its fourth season, it is one of the shows that earned Turkey $130m in foreign sales last year – up from a mere $1m in 2007.

That it looks back 500 years to the era when Turkish Sultans ruled much of the Balkans and the Middle East is perhaps appropriate, as it has been seen in 47 countries mostly from this region.

The exported shows rely on a heady mix of slick production, storylines full of passion and intrigue (there was plenty of that in Suleiman’s court), beautiful actors and actresses, and iconic Turkish locations.

Take Forbidden Love (Ask-i Memnu). It is set in a mansion on the Bosphorus and tells the story of the forbidden passion between a handsome young man, Behlul, and a beautiful young woman, Bihter, who is married to his uncle.

They live under the same roof. You know this is not going to turn out well.

Ask-i Memnu

Behlul is played by Kivanc Tatlitug, who has become a heartthrob in the region and, due to his light-coloured good looks, even been dubbed the “Halal Brad Pitt”.

Ask-i Memnu

Like Magnificent Century, it has its fair dose of love scenes, which may seem tame to a Western audience, but are eye-catching by the standards of Arab countries.

Some 85 million people in the Arab world were glued to the final episode of breakthrough show Gumus (Silver) in 2008, and the audience for Turkish dramas has grown year by year.


Top Turkish titles

1001 Nights (Binbir Gece)
  • Silver (Gumus/Noor), produced by ANS Production. The deep love between a poor girl and a richer husband. Sold to 56 countries.
  • Magnificent Century (Muhtesem Yuzyil), Tims Productions. Massive costume drama set in Suleiman I’s Ottoman world. Sold to 47 countries.
  • Forbidden Love (Ask-i Memnu), Ay Yapim. Forbidden passions in a mansion on the Bosphorus. Sold to 46 countries.
  • 1001 Nights (Binbir Gece), TMC Film. A mother accepts an indecent proposal form her boss to pay for her son’s cancer treatment. Sold to 46 countries.
  • The Fall Of Leaves (Yaprak Dokumu), Ay Yapim. A tight-knit family arrive in Istanbul to face many challenges. Sold to 45 countries.
  • What is Fatmagul’s Crime? (Fatmagul’un Sucu Ne?), Ay Yapim. Fatmagul is raped, and marries Kerim who wrongly believes himself to be the perpetrator of the crime. Sold to 37 countries.

Statistics source: Global Agency, Ay Yapim and Dogan TV Holding

It’s partly because they fill a gap in the market.

“There is definitely a shortage of good scripts and high production values in Arab television,” says Habib Battah, a Beirut-based media critic and author of The Beirut Report blog.

“It’s one thing if there were a couple of popular Turkish series, but they are on every single major Arab channel.”

Previous imports had included soaps from Latin America, but these had less impact, Battah says.

One reason for this is that they were dubbed into classical Arabic, while the Turkish dramas began in 2007 to be dubbed into a Syrian dialect.

This made the stories “more engaging” and “the voice actors more believable”, Habib says.

Another reason is that the Arab audience feels so much closer to Turkish culture than, say, Brazil’s.

Fatma Sapci, head of acquisitions at production company Ay Yapim, which was behind Forbidden Love, says this makes it easy for audiences across the region to consider the show’s actors as “part of their family”.

And these soaps explore family dynamics in challenging ways.

“Turkish serials deal with many issues that Arab television is afraid of dealing with such as gender equality, treason and love affairs, and discussing the subject of illegitimate children born outside of marriage,” says Professor Asli Tunc, head of the Media School at Istanbul Bilgi University.

What is Fatmagul's crime? (Fatmagul'un sucu ne?) What is Fatmagul’s crime? triggered a debate about the law that excuses a rapist if he marries his victim

But possibly the biggest talking point among the audience has been the topic of male-female relations.

Some of these shows speak to female viewers by featuring unorthodox male leads, who are romantic instead of being macho, Tunc says.

Silver/Gumus, for example, depicts a romantic love between the heroine Gumus (called Noor in the Arab world) and her husband Mehmet (Muhannad).

Women would remark to their husbands on how well the lead character treated his wife – it set a romantic ideal where “women are valued, appreciated and adored,” says Mazen Hayek, spokesman for the Saudi-backed Middle East Broadcasting Centre (MBC).

The impact of the show was such that Arab women “started talking to their husbands through Turkish drama”, he says.

The story was thought-provoking for conservative societies where expressions of love are usually private, adds Abdallah Alsalmi, Middle East media analyst at BBC Monitoring.

And because the characters on screen had plenty in common with Arab audiences, it was more controversial as well as easier to relate to, he says.


Dubbing decision

Mazen Hayek

MBC spokesman Mazen Hayek,

In 2007 MBC began dubbing Turkish shows into a Syrian dialect. We wanted to build on the success of popular Syrian drama Bab al Hara.

Previously shows had been dubbed into classical Arabic which created a disconnect for viewers. What they were hearing was much more rigid than what they were seeing.

The Syrian dialect is much closer to how people speak. We opted for professional Syrian voice-over actors and made sure they matched the personality of the characters.

But Dr Dina Matar from the Centre for Media and Film at the School of Oriental and African Studies in London cautions against the idea that the dramas have led to a “fundamental shift” in attitudes toward women in the region.

Instead they have fed into a debate that had already begun, in various shows produced by Arabs and aired on Arab television, she says, as the media space in the Middle East has expanded.

The export of these dramas has occurred in parallel with a push by Turkey’s foreign minister, Ahmet Davutoglu, to boost Turkish cultural power – a policy sometimes described as neo-Ottoman.

While the government has created Yunus Emre Cultural Centres – akin to the British Council or the Alliance Francaise – in a number of countries, the shows have also played their part in presenting a positive image of Turkey.

The Culture Ministry directly links the dramas with a rise in the number of tourists to Turkey from Arab countries in the last five years.

Izzet Pinto, CEO of Turkey’s Global Agency – which distributes Magnificent Century and other top titles – puts it like this: “We are showing our country to millions of viewers. We are showing the beautiful scenery, our lifestyle and traditions.

“So we have a great influence on people through soft power.”

By Nathan Williams

BBC News

in the web:The indispensable Ottoman han

Standard

an_old_han_near_eminonu

What is a han? An Ottoman Turkish building that combined an urban hotel, stable, storage depot and wholesale selling point is more a descriptor than a definition. Before the Ottomans had hans, the Seljuk Turks built many and before the Seljuks, the Persians. But it should be pointed out that the Seljuks were much more interested in erecting caravanserai (caravan palaces), which served the many commercial caravans going between cities, than hans. They were located approximately one day’s journey between each, or 30-40 kilometers. This clearly was a reflection of the much larger economy under Ottoman control and the growth of trade in the Mediterranean.

There is hardly any difference between a han and a caravanserai except for the first being urban and the later being situated on the roads and highways between urban settlements. Their structures were practically the same. As a building, the han had very high, thick walls with one or possibly two entrances, the better to guard against any external attack by enemy soldiers or brigands. The corners of the walls would have watch towers and they would have been seen as fortresses more than hotels and markets. They were made of stone and were either square or rectangular. And in the center there would be an open courtyard that generally contained a fountain for performing the ritual ablutions required in Islam and a very small mosque.

The latter in Bursa’s İpek (Silk) Han is two stories and octagonal in shape. The upper floor is used as the prayer room and is reached by a wooden staircase on the outside.

The han usually rose two stories and sometimes three, the upper floors reached by staircases from the courtyard. The ground floor was used to house animals such as camels, horses and mules that would have carried merchandise. It also had a large kitchen. The first floor would contain small rooms in which a merchant would store his goods and sleep. These rooms would have fireplaces for winter weather.
The origins of the han have been traced back to the ribat, soldierly outposts along the coast of North Africa, stationed there some time after the rise of Islam in the seventh century. Before that in the Near East, there is little evidence of any similar building, although that may be because they have not yet been excavated or any findings published. In any case, it is much more exciting and rewarding to go after palaces and temples. Some attribute the first of the han-type buildings to the Achaemenid kings who ruled Persia from 550 to 330 B.C. Later, there were areas including buildings that were deemed emporia among the ancient Greeks and later the Romans. These were places where merchants could settle and sell their wares.

A paper by Dimitroukas Ioannis, “Byzantine Roads in Asia Minor,” gives well-documented and detailed information on the road system that includes the routes taken by the important caravan trade from the coast as far east as Erzurum and south through Cilicia, including trade with Arabs. While the author gives details on routes and mentions several cities that served as emporia, he says nothing about the type of housing that would be available along the route.

resim8

The first Ottoman han built in Bursa 
A number of caravanserai remain in Anatolia from the Seljuk period and a number of them have been restored so that one gets a sense of the scale of these monumental buildings with their enormous pillars and vaults. But as Ulya Vogt-Goknil points out in her book “Living Architecture: Ottoman,” when it came to the Ottomans, they were much more interested in the functional aspects of architecture, so the han became smaller in size and more suitable for cities in which these buildings had to fit in with other buildings.

The first Ottoman hans were those built in Bursa when the city was the capital of the Ottoman state. They were named after the commodity that was sold within and were probably under the guild that was involved. So we see the Cocoon Han, Silk Han, Rice Han and so forth. The Emir Han, which still exists, is the oldest and was built by Orhan Gazi sometime after he gained control of Bursa in 1321. It had 16 rooms with windows upstairs and a small stable with 36 storerooms on the ground floor.
The hans of Istanbul were much larger and generally built with three or even four stories. While their interior shapes were also square or rectangular, they had to account for the fact that many of them were built on hillsides in the Old City. There are today some 70 hans left in the city, twelve of which are in the old city. One can find them mostly in the area between the Covered Bazaar and Eminönü and as far west as Tahtakale. While the Covered Bazaar originally started out in the 15th century as the İç Bedestan, the fortified building in which people kept their valuables, it has grown much larger thanks to the addition of many hans that sprang up in the vicinity. As more and more of these hans were erected, they became attached to each other, although retaining their original names, and are now considered one building, the Covered Bazaar. But only the Kurkcu Han remains from the Fatih period. It should be noted that this area was also the commercial area under the Late Roman Empire and the Byzantine Empire. A second commercial area sprang up in the vicinity of the Fatih Mosque complex.
images (18)
Few of the hans remained 
It’s not so surprising that few of the hans remain from the Ottoman period as the Old City has experienced so many fires and earthquakes. Although modern buildings have replaced almost all of the old hans, one can still see small imitations of the splendid old hans.

Of course there are other hans around the city, especially in the Beyoğlu area. These were built in the period following the destructive fire in 1870 and are still operating today.

For example, the Sismanoglio Megaro Han is now part of the Greek consulate and a portion of it is used for exhibitions such as the one that has just opened with photographs of Istanbul’s old hans. One of the guests at the exhibition opening was heard saying how beautiful it was that a Greek han, Sismanoglio Megaro, was the venue for an exhibition of photos of Istanbul hans. Another commented on the parallel between the people working in the old hans, who were struggling to make a living, and the hans, which struggle to stay alive today.

If one thinks about it, the modern shopping center is rather like a han, with its stores and depots lining a courtyard; just think of the Ataköy Galleria or the Cevahir Center. The old hans served their purpose but they’re still with us. It’s just that they’ve changed their form slightly.

buyuk-valide-hani

fonte: Daily News

curiosità di quartiere: Cerrahpasa

Standard

La tratta delle bianche.

avrat_pazari istanbulslavemarket

Molte delle persone che sono salite a posizioni di autorità nell’impero ottomano, anche i grandi visir, hanno iniziato come schiavi, sia catturati dai pirati o raccolti con il “devsirme” (raccolta). La maggior parte degli schiavi erano stati educati come cristiani ma convertiti all’Islam all’arrivo a Istanbul. Anche le donne del harem erano effettivamente schiave (chiamati “cariyes”); alla Valide Sultan (regina madre) veniva concessa  la libertà dopo la morte di suo marito. Molti di loro sarebbero state vendute al Avrat Pazari,Il Mercato degli schiavi e donne che ha avuto luogo in quella che oggi è Cerrahpasa. Tra le famose donne del harem che sembrano aver passato da quel mercato erano Roxelana,  Kosem Sultano, e Mihrisah Sultan, madre del sultano Selim III,.Il mercato è stato chiuso nel 1847, anche se gli schiavi continuarono ad essere venduti altrove  fino al 1922.

sultan_and_lady_of_a_harem_k131813 images12 harem_flower roxelana images (34) harem hurrem3 Rosati_harem-dance 301242_423340371069728_228461625_n Ayşegül-Aldemir-Yazıları-22 images (36)

che cos’è il Bosforo? e il Corno d’Oro?

Standard

istanbul-la-mappa-ok-nomi

Per sciogliere ogni dubbio…. 😉

Il Bosforo (Boğaziçi) è il punto di congiunzione di due continenti,Europa e Asia,nonchè il collegamento tra il Mar di Marmara e il Mar Nero..Lunga 32 km,la via d’acqua è profonda da 30 a 120 m e ampia da circa 700 m a um massimo di 3 km; è caratterizzata da una forte controcorrente. I fiumi ricchi di acqua che sfociano nel Mar Nero portano una forte corrente di superficie in direzione del Mar di Marmara è l’acqua ricca di sale quindi più pesante proveniente del Mar di Marmara si spinge in profondità verso il Mar Nero. Il vento soffia generalmente da Nord. Le rive del Bosforo sono incorniciate da palazzi,fortezze e pittoresche ville in legno.Le piccole località in mezzo ai boschi, che già in epoca ottomana erano tra i più bei luoghi della Turchia,sono da molto tempo  ormai diventati quartieri residenziali dei ceti benestanti integrati nella metropoli.

Il nome Borforo deriva dalla mitologia greca:il padre degli dei ,Zeus,si innamorò di Io,una sacerdotessa di Era,sua consorte.Per ingannare quest’ultima ,gelosa,Zeus trasformò Io in una mucca bianca. Era intui tuttavia lo stratagemma e inviò un tafano che cacciò la mucca di paese in paese.Durante la fuga,Io, nelle sembianze della mucca,attraversò a nuoto lo stretto che da allora vienne chiamato Bosforo,ovvero “il guado della vacca”.

Navigare tra le due sponde con la linea di navigazione urbana è il modo migliore per godere la vista di splendidi palazzi ,moderni alberghi, antiche ville in legno ,rovine di castelli, parchi e pittoreschi porti pescherecci.

Bosforo_4 secondo_ponte_sul_bosforo_02_0

250px-Istambul_and_Bosporus_big

Il Corno d’Oro, in turco Haliç, è una baia lunga 7 km e profonda fino a 35 m, nata da una vale fluviale sprofondata.Divide in due la striscia di terra del continente europeo con il nucleo storico dalla zona settentrionale,europea,di Beyoğlu.Di fronte al Ponte di Galata,a cavallo del Corno d’Oro, si estende la lingua di terra dove ha inizio la storia della città, un magnifico profilo punteggiato dalle torri del Palazzo Topkapi e dai minareti delle moschee.

images (30)

images (31)

Golden_Hornfonte:Dumont

 

Le parabole di Mullah Nasreddin Hodja

Standard

nasreddin-hoca-dusunur-fikrasi
Nasreddin era un saggio un po’ speciale vissuto tanti secoli fa in Turchia quando in Oriente regnava il Khan Timur Lang detto Tamerlano. Fu viaggiatore del mondo ed è noto da Buchara a Samarcanda, da Mombasa a Singapore. Le sue gesta e soprattutto le sue sentenze e storielle, solo apparentemente senza senso, hanno lasciato traccia ovunque si sia diffusa la cultura islamica. Quelle storie brevi e buffe si raccontano anche oggi in Iraq, in India e in tanti altri paesi d’Oriente e d’Occidente con nomi e dettagli cambiati, ma con spirito affine. In particolare somigliano a quelle che si raccontano nel Nord Europa e che hanno per protagonista Till Eulenspiegel, o a quelle che nella cultura ebraica vengono attribuite a un rabbino saggio e stravagante e infine ad un personaggio presente nelle culture del bacino del mediterraneo, Giufà in siciliano, Guhâ in arabo e in turco appunto Nasreddin Hodja o Nasreddin Hoca.
Nessuno sa come siano nate, ma la cosa in verità non ha molta importanza. Quello che le ha fatte sopravvivere nei secoli è la tradizione orale, ossia il fatto che sono state tramandate a voce di generazione in generazione e così le radici sono le stesse per tutti i racconti, anche se le varianti sono infinite.StorieLe malelingue

Un giorno, Nasreddin Hodja e suo figlio andavano al mercato. Il figlio cavalcava l’asino, e lui, lo accompagnava a piedi. Un passante brontolò: “Ecco la nostra gioventù moderna, lasciarsi portare tranquillamente dall’asino, obbligando il suo vecchio padre, con il suo pesante turbante, a seguirlo a piedi!”
“Padre, te lo avevo detto!” Mormorò il figlio. “Andiamo, non indugiare e prendi il mio posto.”
Nasreddin Hodja acconsenti. Essi fecero così un pezzo di strada fino a che si sentirono interpellare da un gruppo di paesani: “Ehi Hodja, le tue ossa si sono indurite, sei distrutto dal peso degli anni, perché costringi quest’adolescente, nel fiore degli anni, a zoppicare leggermente dietro di te?”
A queste parole, Hodja non trovò meglio che far montare suo figlio dietro di lui, sulla groppa dell’asino. Non erano andati molto lontano che alcuni individui gli sbarrarono la strada, gridando: “Che gente spietata! Due persone su di un povero asino. E dire che é il nostro famoso Hodja che tollera ciò! Se questa non é una vergogna!”
Questa volta, Nasreddin Hodja, fuori di se, discese subito dal somaro, ed anche suo figlio, e entrambi proseguirono andando dietro l’asino libero del suo carico. Siccome ogni cosa ha una fine, subirono i rimproveri di alcuni mascalzoni che incontrarono poco dopo.
“Che idiozia! Vedere l’asino sgambettare e caracollare in libertà, mentre i suoi padroni, sfidando la polvere e l’intollerabile calore, fanno la strada a piedi! Non si è mai vista una cosa simile!”
“Vedi, figlio mio”, disse Nasreddin Hodja al culmine della pazienza, “ammiro le persone che si sono liberate delle malelingue! Tu, fai come ti sembra meglio e che la gente dica ciò che più desidera, perché le bocche degli uomini non sono un sacco che si possa chiudere!”
Tradotto da Claudio Buffa

L’asino non può leggere più di questo

Un giorno, Tamerlano, aveva ricevuto, in regalo, un asino egiziano di grande valore. Lo fece vedere ai suoi cortigiani che non fecero che elogiarlo. Rivolgendosi a Nasreddin Hodja:
– E cosa ne pensi, tu, di quest’asino?
– In fede mia… secondo me, noto in quest’asino grandi doti Se tu me lo ordini, posso insegnargli a leggere in pochi mesi. Tamerlano, molto incuriosito, rispose:
– Se tu vi riesci, ti ricompenserò bene.
Hodja, per questa storia, si vide accordare un periodo di tre mesi.
Al termine di questo periodo, Hodja portando il somaro per la cavezza, lo portò da Tamerlano, poi, tirando fuori un grande libro che aveva portato con se, lo mise davanti all’animale. Questo, subito, si mise a voltare velocemente, con la lingua, le pagine del libro e a ragliare quasi ad ogni pagina. Tamerlano che si aspettava di vedere un artificio maggiore, domandò ad Hodja come aveva fatto per arrivare a questo risultato.
Hodja, di rimando:
– Ecco… dopo aver lasciato la reggia, ho chiuso l’asino nella scuderia. Quel giorno non gli detti nulla da mangiare. Il giorno dopo feci rilegare un grosso libro e mettere grani d’orzo, tra i fogli. L’asino affamato, sentendo l’orzo, cominciò a voltare le pagine del libro con la sua lingua. Dove non incontrava nulla, mi guardava in faccia e si metteva a ragliare. Ed é così che l’ho abituato a nutrirsi. Un uomo dell’assemblea, per sminuire l’effetto delle parole di Hodja, disse:
– Vediamo… francamente, io non ci ho capito nulla. L’asino ha semplicemente voltato le pagine e ragliato. Che c’è di straordinario in questo?
Nasreddin Hodja, in risposta:
– L’asino non può leggere più di così! Solamente nel caso in cui si vorrebbe fargli apprendere di più, allora bisognerebbe veramente considerare asini noi stessi!
A queste parole, tutta l’assemblea, Tamerlano per primo, rise lungamente e di buon cuore.
Tradotto da Claudio Buffa

I Contadini che ci sapevano fare coi Numeri

Tra i luoghi che il mullah Nasreddin Hodja visitò nei suoi viaggi, c’era un villaggio i cui abitanti erano noti per essere particolarmente esperti nei calcoli. Nasreddin trovò alloggio presso la casa di un contadino. Il mattino dopo Nasreddin si accorse che nel villaggio non c’era un pozzo. Ogni mattina, un membro di ogni famiglia del villaggio caricava uno o due asini con delle brocche per l’acqua vuote, raggiungeva un ruscello ad un’ora di cammino dal villaggio, riempiva le brocche, e le riportava indietro, impiegando un’altra ora.
“Non sarebbe meglio se aveste l’acqua nel villaggio”, chiese l’hodja al contadino presso il quale abitava.
“Oh, molto meglio”, disse il contadino. “ogni giorno l’acqua mi costa due ore di lavoro per l’asino e per il ragazzo che lo conduce. In totale 1.460 ore l’anno, se calcoliamo l’asino uguale al ragazzo. Se l’asino e il ragazzo impiegassero quel tempo a lavorare nei campi, io potrei, per esempio, piantare un intero campo di zucche e raccogliere 457 zucche in più ogni anno”.
“Mi pare che voi abbiate previsto ogni cosa per bene”, disse l’hodja con ammirazione”. E allora, perché non scavare un canale che porti l’acqua al villaggio?”
“Non è così semplice”, disse il contadino. “Sulla strada c’è una collina che dovremmo scavare e togliere. Se utilizzassi ragazzo e asino per scavare un canale, piuttosto che mandarli per acqua, ci metterebbero 500 anni, lavorando due ore al giorno. Io potrò forse campare ancora trent’anni, quindi mi costa molto meno farli portare l’acqua”.
“Sì, ma sarebbe compito soltanto tuo scavare un canale? Ci sono molte famiglie in questo villaggio”.
“Certamente”, disse il contadino, “ci sono esattamente 100 famiglie. Se ogni famiglia mandasse un ragazzo e un asino ogni giorno per due ore, ci vorrebbero cinque anni per finire il canale. E se lavorassero dieci ore al giorno, per finirlo ce ne vorrebbe uno”.
“Allora perché non parli con i tuoi compaesani e gli suggerisci di scavare il canale tutti insieme?”
“Dunque, se devo discutere una questione importante con un compaesano, lo invito a casa mia, gli offro tè e halvah, parliamo un po’ del tempo e delle previsioni per il prossimo raccolto, poi si parla della sua famiglia, delle sue figlie, e dei suoi nipoti. Poi gli offro il pranzo, e dopopranzo prendiamo di nuovo il tè. Poi lui s’informa della mia fattoria e della mia famiglia, poi arriviamo al punto, con piacere e con calma. Per tutto questo ci vuole un intero giorno. Siccome nel villaggio ci sono 100 famiglie, Io dovrei parlare con 99 capofamiglia. Devi ammettere che non posso permettermi di passare novantanove giorni di seguito in queste discussioni. La mia fattoria andrebbe alla malora. Il massimo che possa fare è invitare a casa mia un compaesano alla settimana. Ma se un anno ha cinquantadue settimane, mi ci vorrebbero almeno due anni per parlare con tutti i miei compaesani. Conoscendo i miei compaesani, tutti alla fine concorderebbero che sarebbe meglio avere l’acqua nel villaggio, perché ci sanno tutti fare coi numeri. E conoscendoli bene, ognuno di loro si impegnerebbe a partecipare all’impresa, se anche gli altri lo facessero. Insomma, dopo due anni dovrei cominciare tutto daccapo. Dovrei invitarli a casa mia e riferire che anche gli altri sono d’accordo a partecipare”.
“E’ vero”, disse l’hodja, “ma dopo due anni sareste pronti per cominciare il lavoro. E dopo ancora un anno, il canale sarebbe finito!”
“Esatto”, disse il contadino. “Così gli scansafatiche trarrebbero dal canale lo stesso vantaggio degli altri, ma senza la spesa”.
“Devo ammettere che è così” disse l’hodja.
“Così chiunque ci sappia fare coi numeri cercherà di sottrarsi al proprio dovere. Un giorno l’asino zoppicherà. Un altro giorno il figlio di qualcuno avrà la tosse. E poi si ammalerà la moglie di qualcun altro, e ci sarà bisogno del ragazzo e dell’asino per condurre il dottore. Ma nel nostro villaggio, tutti ci sanno fare coi numeri, così ognuno cercherà di evitare di fare la sua parte. E siccome ognuno di noi sa che gli altri non si ammazzeranno di lavoro, nessuno manderà il suo ragazzo e il suo asino a lavorare. Quindi i lavori per il canale non cominceranno mai.”
“Devo ammettere che i tuoi argomenti sembrano assai convincenti”, disse l’hodja. Rimuginò per un po’, e d’improvviso esclamò, “Ma io conosco un villaggio, dall’altro versante dei monti, che ha esattamente gli stessi vostri problemi, ma sono vent’anni che c’è un pozzo”.
“Bene”, disse il contadino, “evidentemente non ci sanno fare coi numeri”.
Tradotto da Giovanna Rampone

Mullah Nasreddin Hodja
Vedi anche Le storie di Mullah Nasreddin Hodja (Giufà)

Nasreddin è diventato una specie di icona popolare, ma è anche un personaggio realmente vissuto nel XIII secolo, a cui parecchie città turche si contendono l’onore di aver dato i natali.
Vi è anche chi lo dice vissuto alla corte del Khwârezm (odierni Uzbekistan e Turkmenistan) alla fine del XII secolo, o al tempo di Tamerlano tra XIV e XV secolo (vi sono molte storie su Nasreddin e Tamerlano), o ancora a Kûfa, sud dell’Irâq, nell’VIII secolo. Alcuni persino affermano che sia sepolto in Algeria e la sua tomba meta di pellegrinaggi.
Tuttavia il più vecchio racconto su di lui si trova nel Saltukname, opera sulderviscio guerriero Sari Saltuk Dede composta nel 1480 da Ebul Hayri Rumi per il principe Cem Sultan, che contiene varie storie e leggende popolari. NelSaltukname si dice che Nasreddin «nacque a Shivrihisar e che i nativi di Shivrihisar erano famosi per il loro strano comportamento e ingenuità. Lo strano comportamento dei nativi di Shivrihisar è anche menzionato in un libro di racconti manoscritto che si trova nella Bibliothèque Nationale a Parigi. Questi documenti sono considerati prove della sua nascita in Shivrihisar».
Concordemente si esprime nella sua opera Mecmua-i Maarif Hüseyin Efendi, müfti (giureconsulto islamico) di Shivrihisar morto nel 1880, affermando che Nasreddin nacque nell’anno 605 dell’Egira (che va dal 16 luglio 1208 al 5 luglio 1209 dell’era cristiana) nel villaggio di Hortu presso Shivrihisar, cittadina dell’Anatolia centrale più o meno a mezza strada tra Eskishehir ed Ankara, e un po’ più lontana, a nord, da Akshehir (“città bianca”).
Siamo dunque nell’era del potere selgiuchide, quella di Mowlânâ Jalâl-od-Dîn Rûmî, grandissimo tra i mistici, di `Attâr, di Muhyiddîn ibn al-`Arabî, e del massimo poeta mistico turco, Yunus Emre.
La leggenda che Nasreddin conoscesse Tamerlano, invece, nasce dal terzo volume del Seyahatname (“Libro di viaggi”), opera in dieci volumi di Evliya Çelebi (nato nel 1611 ed ancora vivo nel 1683) che descrive i paesi componenti l’impero ottomano e alcuni limitrofi. In tale libro si dice che Nasreddin era di Akshehir, che visse al tempo di Murad I (1326-89) e di Yildirim Han (1389-1402), e che partecipò a riunioni di dotti alla presenza di Tamerlano. Sennonché questa non è una fonte attendibile. Ci dice infatti Alessio Bombaci che l’opera in Turchia non fu presa affatto sul serio, bensì vista come una raccolta di novelle, in quanto l’interesse curioso e appassionato e una grande capacità descrittiva vi si fondono «in definitiva con il più assoluto disprezzo per la verità».

10208059-kocaeli-turchia--19-settembre-uomo-non-identificato-nel-costume-nasreddin-hodja-19-settembre-2010-a-

Vita di Nasreddin
Nasreddin era figlio di Abdullah Efendi, imam del villaggio di Hortu, e di Sidika Hatun, e studiò nella scuola teologica (medrese) di Shivrihisar e nella scuola hanefita di Konya. Morto il padre divenne a sua volta imam del villaggio per anni, finché nel 1237 si trasferì ad Akshehir, dove studiò con famosi eruditi del suo tempo come Seyid Mahmud Hayrani (morto ad Akshehir nel 1268-69) e Seyid Haci Ibrahim. Pare che due vakifname (atti di pia donazione), scritti rispettivamente da Hayrani nel 1257 e da Haci Ibrahim nel 1267, riportino il suo nome.
Nel Saltukname si dice anche che Sari Saltuk fu discepolo di Hayrani insieme a Nasreddin, a cui avrebbe in un’occasione fatto visita ad Akshehir.
Successivamente Nasreddin divenne professore alla scuola teologica della città e funse anche da giudice (kadi), caratterizzandosi, se si sta a quanto se ne racconta, talvolta per la severità e talvolta per l’umorismo. Ebbe, si tramanda, una o due mogli, due figlie (di cui una di nome Fatima) e un figlio.

Secondo alcuni Nasreddin «morì all’età di sessant’anni ovvero nell’anno 673 (A.D. 1274-75)», ma ragioni abbastanza solide indicano che morì piuttosto, come indica Hüseyin Efendi, ad Akshehir a 76 anni, nel 683 dell’Egira (che va dal 20 marzo 1284 all’8 marzo 1285).
«Grande attenzione – scrive Alpay Kabacali – ha ricevuto la data 386, che è stata trovata incisa su una lapide. In considerazione del suo senso dell’umorismo, la data è stata letta al contrario. Ora, l’anno 683 del calendario islamico corrisponde agli anni 1284-85».
Su tale epitaffio, ritrovato ad Akshehir, condusse ricerche Bursali Mehmed Tahir Bey, e fu Fuad Köprülü, in un suo libro in cui per primo si occupò di Nasreddin Hoca come personaggio storico, a darne notizia nel 1918.
Anche secondo Ibrahim Hakki Konyali, un altro storico, quello fu il primo epitaffio mai trovato che riguardasse Hoca. Lo stesso Konyali poi, mentre faceva ricerche sulle colonne della sua tomba, trovò un’altra iscrizione che dice: «La scrittura perdura, la vita è transitoria, l’uomo è peccatore, Dio è clemente. Questo fu scritto da Mehmed tra i soldati del grande Yildirim Bayezid nell’anno dell’Egira 796».
Ora, dall’aver trovato sulla sua tomba questo riferimento al 796 (1393-94) consegue che evidentemente Nasreddin morì prima, mentre il contenuto dell’iscrizione fa pensare che la tomba fosse da tempo meta di pellegrinaggio.
Un’altra lapide, trovata a Shivrihisar e successivamente trasportata dapprima al Museo Mevlâna di Konya e poi al Museo di Akshehir, appartiene alla figlia Fatima, e riporta la data 727 (1326-27), indicando così che morì 43 anni (44 del calendario islamico) dopo il padre. Si è poi trovato il nome di Nasreddin anche su un’altra lapide presso la sua tomba. Riflette lo stile selgiuchide ed è ora anch’essa al Museo di Akshehir.
Il monumento sepolcrale di Nasreddin ad Akshehir, di aspetto gradevole, sormontato da una vasta cupola a coste sostenuta da molte sottili colonne, ne ha sostituito, all’inizio del ventesimo secolo, un altro più antico che ancor meglio simboleggiava l’assurdità nella vita che egli si era tanto preoccupato di evidenziare da vivo e che addirittura, secondo taluni racconti, sarebbe stato costruito su sua indicazione: anch’esso a cupola, ma con sole quattro colonne; tre lati aperti; nel quarto, saldamente murata, una porta chiusa da un enorme lucchetto, ovviamente del tutto inutile secondo il comune intendimento; e nella tomba stessa un foro, da cui Nasreddin poteva seguitare ad osservare il mondo…

nh02

trovato sul web qui:http://www.riflessioni.it/

Il fantastico mondo fatato di Sultanahmet! (e alcune delle poco fatate foto dell’Adry!)

Standard

377611_10200691769321862_4065869_n

Questo lembo di terra,dalla meravigliosa vista sul Bosforo e il Mar di Marmara,è stato per molti secoli il centro religioso e politico della metropoli bizantina e ottomana. Un angolo di mondo testimone di rivalità tra gli imperatori, iconoclastia,intrighi di harem e massacri politici.

Oggi l’area in che viene fondata la città, l’antica acropoli, assomiglia a un grande museo a cielo aperto. Circondata da splendidi parchi, i meravigliosi edifici- primo fra tutti Santa Sofia,che insieme a San Pietro a Roma è la chiesa piu venerabile della cristianità-richiamando alla memoria la grande epoca durata secoli in cui Costantinopoli era capitale dell’impero romano. La sublime porta (sede del governo dell’impero ottomano) la residenza del sultano a Topkapi Sarayi,la suntuosa Sultan Ahmet camii e la grande Piazza At meydani-antico ippodromo – raccontano di altri 500 anni di glorioso dominio fino alla caduta dell’impero ottomano.

599323_4346501705960_301638594_n 425382_4247091420765_1596744897_n 559168_4415754037225_543532631_n 313546_4415745757018_624232173_n 292996_4521767487495_1005927206_n 545953_4532471115079_844906407_n 424716_4590294560629_814475233_n

Nel parco di Gulhane(parco del roseto),che anticamente era il giardino del palazzo, si susseguono edifici ottomani e bizantini, resti antichi e musei. Ed è anche un rifugio verde situato in un amena posizione sul Bosforo,un oasi nel mezzo della Istanbul frenetica.Si estende sotto il palazzo di topkapi sui pendii dell’antica collina dell’acropoli. è frequentato sopratutto il fine settimana da intere familie che si ritrovano qui per fare il picnic.

168824_4216741142027_442914430_n 581329_4216801543537_769296996_n 424602_4600226448920_760775584_n307619_10200353826553504_1910482540_n 72893_10200353832793660_1056728945_n481988_4366885415540_933065223_n6687_10200931964326587_698267403_n 733776_10200931964526592_814283522_n527655_4077292495898_273894893_n

Il quartiere di Sultanahmet ,cosi chiamato perche vi sorge la Sultan Ahmet camii, è l’antico quartiere dei palazzi imperiali. tra edifici ottomani e decorazioni moderne si incontrano ovunque resti antichi dell’epoca in cui regnavano i successori degli imperatori romani.

542094_10200353777992290_1068884555_n 735193_10200353774232196_1151026803_n 71550_10200353769672082_533322950_n 734054_10200353748031541_207694734_n 270346_10200353763751934_313202237_n

la zona intorno all’ippodromo , teatro di grandi sfilate festive, nel XVI secolo era diventata l’area residenziale preferita  dai dignitari dell’impero.

564909_4072020804109_261786854_n (1) 546347_4072023924187_1124950474_n 522936_4072026444250_1221836751_n 484292_4072033884436_1281244013_n 36494_4072037164518_1446913059_n (1)

La Fontana di Ahmet III si trova dietro Hagia Sophia,davanti all’ingesso del primo cortile del Topkapi Sarayi.Una fontana in stile rococò turco fatta costruire del sultano nel 1728.Ornata di versi del poeta Seyit Vehbi che celebrano l’acqua della fontana paragonandola a quella del paradiso.

2039_10200353789632581_937916927_n553220_10200353796192745_899990969_n

L’imponente edificio di Santa Sofia si erge in mezzo a magnifici parchi,circondato dalla Sublime Porta (da dove era retto l’Impero Ottomano), dalla residenza del sultano – il Topkapi Sarayi –  dalla suntuosa Sultanahmet Camii e dalla grande piazza At Meydani, l’antico ippodromo.

309112_4532467114979_676368223_n 250340_4590298480727_349666266_n 538638_10200353753391675_588682534_n 262932_2326251480967_3595976_n

Il Palazzo Topkapi è l’antico centro del potere dell’Impero Ottomano. Qui risiedeva il sultano,qui c’era lo schieramento delle truppe d’elite dei temuti giannizzeri,qui vivevano anche le donne e i figli del sovrano all’interno dell’harem, un’ala residenziale chiusa.

Il “Serraglio” comprendeva in origine un’enorme area di circa 70 ha nel lembo di terra strategicamente importante davanti al Corno d’Oro.

Il nome di “palazzo della porta dei cannoni” il Sarayi deve alla collocazione di cannoni alla porta delle mura sul promontorio.

300625_2345660566182_2637655_n300747_2345659486155_2800213_n 262399_2345671366452_7820293_n 299506_2345677446604_2490280_n296781_2345630365427_1447554_n
300647_2345627845364_2935082_n
300358_2345593004493_948603_n291822_2345479401653_692882_n 294677_2345494242024_4435219_n 293647_2345544803288_2510588_n 296928_2345566323826_4009243_n300662_2345568443879_1771970_n

E per finire…. a Sultanahmet NON DOVETE :

-fare la fila per i biglietti del Topkapi e di Santa Sofia.Comprateli on line e stampate prima di partire sul sito http://www.muze.gov.tr/museum_pass

– raccogliere le spazzole “accidentalmente” cadute dai lustrascarpe! trucco acchiappa turista!

-cambiare euro in lire turche. è il posto dove pagano di meno!

-comprare gli ombrelli di plastica a 5 tl. durano mezza giornata (questo vale per tutta Istanbul!)

-mangiare dove vedete piu turisti.invece si per i posti dove vedete piu turchi,come il Tarihi Sultanahmet Koftecisi o al Karadeniz Aile Pide & kebap Salonu.Vale la regola delle trattorie e dei camionisti!

-non fattevi intenerire dai gatti ai ristoranti.Non vi lasciano mangiare dopo e vi salteranno in braccio!

– non cadere nella simpatica chiacchera dai ragazzi davanti ai ristoranti! e sopratutto non vi fermate a rispondere.(idem al grand bazaar!).non ve la cavate piu e rischiate di farvi convincere!( a meno che,per carità! il posto vi inspiri! o il ragazzo merita! 😉 )

– e come dice Giuseppe,preparatevi per una esperienza assai “poco fatata” della Moschea Blu! troppa folla…poca magia!

fonte:Dumont

Haseki Hürrem Sultan,Roxelana….

Standard

 

Khourrem

 

 

 

 

 

 

Al 90% Rosselana è la figlia di un prete ortodosso, nulla di speciale perchè nella chiesa ortodossa i preti si sposano e hanno figli, ed è di origini o ucraine o russe.
Ultimamente però qualcuno crede che si tratti di una contessa italiana scomparsa in quegli anni, celebre per i soi capelli rossi.

In ogni caso, che sia una contessa italiana, che sia la figlia di un prete ortodosso o anche di origini persiane la futura Rosselana è portata a Istanbul, l’antica Constantinopoli. e venduta come schiava.
La compra il potente Ibrahim Pascià, gran visir di Solimano di origini albanesi, nonchè cognato del suddetto.
Sembra che Ibrahim all’inizio la donì al vecchio Selim I, padre di Solimano e che questi ormai troppo anziano la ceda al figlio, o che la venda direttamente a Solimano.

Nell’harem vivono in media 300 donne, sorvegliate dalla Valide Sultan Hafsa Hatun di origini forse ucraine, e del potente capo degli eunuchi neri, detti così perchè sono di origine nubiana e perchè sono stati sottosposti all’evirazione nera, ossia quella compelta.
Solimano ha già avuto un figlio, Mustafà Sultan, da Mahi Debran Gulbahar di origini tartare e considerata la seconda nell’harem.

Rosselana riesce però a farsi notare, sia grazie ai suoi capelli rossi che sono una rarità che grazie alla sua risata per cui viene soprannominata Hurrem, la Ridente o Colei che Ride Sempre. Inutile dire che Solimano se ne innamora ma Gulbahar non intende cedere così facilmente.
Infatti dopo essere stata provocata da lei le si getta addosso e la riempe di botte strappandole i capellie graffinadole il viso.
Non l’avesse mai fatto: Rosselana si nega per giorni a Solimano dichiarando di essere stata sfigurata e questi va su tutte le furie, prima pretende che Gulbahar si scusi con Rosselana e poi la caccia dall’harem.

La donna segue il figlio Mustafa che sebbene sia a tutti gli effetti l’erede al trono dalla nascità dei suoi quattro fratelli: Mehmed, Cihangit, Selim e Bayezid, è sempre impegnato in missioni diplomatiche. Sembra sia morta nel 1581, dopo Rosselana e Solimano.

Andata via  Gulbahar l’unico ostacolo è Ibrahim Pascià, protetto di Hafsa Hatun, amico personale di Solimano, gran visir, cognato del sultano avendo sposato sua sorella Hatice e artefice del trattato di alleanza con Francesco I siglato nel 1533. Ibrahim è un uomo colto, affascinante, l’uomo più bello dell’Impero dicono, e di modi europei.
Solimano ha giurato che non metterà mai a morte Ibrahim ma Rosselana è di diverso avviso e la morte di Hafsa Hatun nel 1535 e l’appoggio che Ibrahim dà a Mustafà sono degli ottimi motivi per lei. Convince l’amante a emettere una fatwa e nella notte tra il 15 e il 16 marzo 1536 dei sicari muti mandati dal sultano uccidono il potente gran visir che si difende con valore ma soccombe.

Ora non resta che Mustafà, e siccome dei suoi figli restano solo Selim e Bayezid Rosselana decide di puntare sul maggiore, ossia Selim.
Ha gioco facile a convincere che Mustafà e sua madre Gulbahar complottano contro di lui. Rosselana e il nuovo gran visir Rustem Pascià, che è anche suo genero avendo sposato la sua unica figlia Mihrimar Sultana, soffiano sulle paure di Solimano. Selim I infatti a detronizzato suo padre Bayezid I, il quale ha combrattuto una guerra civile contro il fratellastro Djem Sultan e ne ha ucciso il figlio di soli 12 anni. Quindi il succo è:non bisogna fidarsi di Mustafà !

Solimano chiama il figlio a Istanbul e questo, conscio di quello che sta per acacdere si presenta e chiede che colui che gli ha dato la vita gliela tolga. Detto fatto: i soliti sicari muti uccidono Mustafà, è il 1553.

Tra un intrigo e l’atro Rosselana trova il tempo di abbellire Istanbul insieme al genero commissionando ospedali, bagni e altri edifici. A lei si deve l’Haseki Hürrem Sultan Hamami, uno dei più maestosi bagni per donne, vicino Haga Sofia.
Nel mentre ottiene la sua vittoria più grande, ossia sembra che Solimano l’abbia sposata, rendendola l’unica e amatissima moglie.

Rsselana muore nel 1558, lasciando un marito distrutto dal dolore che si estranierà sempre più dagli affari pubblici e due figli che complottano tra loro, Bayezid infatti fuggirà in Persia ma verrà giustiziato dallos cià insieme ai suoi 5 figli, l’ultimo dei quali ha solo 5 anni.

Selim II non è però all’altezza del padre quando salirà al trono nel 1566 e l’impero turco si avvierà lentamente verso una lenta ma inesorabile decadenza.

fonte:historia testi stemporum

e da Wiki:

Hurrem Sultan, nata come Aleksandra Anastasija Lisowska, era una concubina ottomana diventata poi moglie di Solimano il Magnifico. Ella fu comunque nota soprattutto comeHürrem Sultan o Hürrem “balsaq” Sultan. Nelle lingue europee fu comunque nota come Roxolena.

Riuscì ad attirare subito l’attenzione del sultano divenendo oggetto di gelosia da parte delle rivali. Un giorno, la preferita di Solimano, Mahidevran (chiamata anche “Gülbahar” – dove Gül significa rosa e Bahar primavera), aggredì Hürrem e la picchiò in modo violento. Sconvolto dal fatto, Solimano bandì Mahidevran dalla capitale e la inviò a Manisa, assieme a suo figlio, il principe Mustafa considerato l’erede al trono. L’esilio venne giustificato ufficialmente come la normale prassi di formazione dell’erede al trono. In seguito, Hürrem divenne l’indiscussa preferita di Solimano o haseki. L’influenza di Hürrem sul sultano divenne presto leggendaria ed a ciò deve essere attribuita la nascita di cinque figli, Mehmet, Mihrimah (figlia),Selim, Beyazit, Cihangir. Con una sorprendente rottura della tradizione, divenne moglie legale ufficiale del sultano, facendo di Solimano il primo imperatore ottomano ad essersi sposato, dopo Orhan I. Questo rafforzò la propria posizione nel palazzo e alla fine portò uno dei suoi figli, Selim, a succedere a Solimano. Hürrem sembra sia stata anche consulente di Solimano su questioni di stato, e sembra avere avuto un’influenza sulla politica estera dell’impero. Due delle sue lettere al re di Polonia Sigismondo II Augusto sono giunte a noi e durante la sua vita, l’Impero ottomano ebbe generalmente pacifiche relazioni con lo stato polacco in una forma di pseudo alleanza polacco-ottomana. Alcuni storici ritengono anche che lei potrebbe essere intervenuta con il marito nel controllo degli schiavi tatari di Crimea nella sua terra natale. Molti anni dopo, a causa di un sentore di ribellione (probabilmente fomentata da Hürrem), il sultano, credendo che il figlio volesse scalzarlo dal trono, ordinò lo strangolamento di Mustafa. Dopo la morte del figlio, appurato che nella trama vi era stato il coinvolgimento di Roxelana, questa perse il suostatus a palazzo (come madre dell’erede apparente Selim) e venne inviata a Bursa.

Oltre che negli affari politici, Hürrem si impegnò nella costruzione di diverse opere importanti a partire dalla Mecca a Gerusalemme. Tra le sue principali opere vi fu la costruzione di unamoschea, due scuole coraniche (madrase), una fontana, ed un ospedale femminile vicino al mercato delle schiave (Avret Pazary ) a Istanbul. Commissionò inoltre la costruzione di un bagno, l’Haseki Hürrem Sultan Hamami, per servire la comunità dei fedeli nella vicina Hagia Sophia. A Gerusalemme fondò, nel 1552, la Hasseki Sultan Imaret, una mensa pubblica per nutrire i poveri ed i bisognosi.

 

Hürrem morì il 18 aprile 1558. Essa venne inumata nel mausoleo (turbe), decorato in squisita ceramica di Iznik con scene del paradiso terrestre, forse in omaggio alla sua natura gioiosa. Il suo mausoleo è adiacente a quello di Solimano, una struttura separata e più cupa, annessa alla Moschea di Solimano.

Per chi volesse guardare,su youtube troverete con sottotitoli in inglese una grande serie televisiva turca che racconta la storia di Solimano e anche di Hurrem: