Archivi categoria: tradizioni

in the web:The indispensable Ottoman han

Standard

an_old_han_near_eminonu

What is a han? An Ottoman Turkish building that combined an urban hotel, stable, storage depot and wholesale selling point is more a descriptor than a definition. Before the Ottomans had hans, the Seljuk Turks built many and before the Seljuks, the Persians. But it should be pointed out that the Seljuks were much more interested in erecting caravanserai (caravan palaces), which served the many commercial caravans going between cities, than hans. They were located approximately one day’s journey between each, or 30-40 kilometers. This clearly was a reflection of the much larger economy under Ottoman control and the growth of trade in the Mediterranean.

There is hardly any difference between a han and a caravanserai except for the first being urban and the later being situated on the roads and highways between urban settlements. Their structures were practically the same. As a building, the han had very high, thick walls with one or possibly two entrances, the better to guard against any external attack by enemy soldiers or brigands. The corners of the walls would have watch towers and they would have been seen as fortresses more than hotels and markets. They were made of stone and were either square or rectangular. And in the center there would be an open courtyard that generally contained a fountain for performing the ritual ablutions required in Islam and a very small mosque.

The latter in Bursa’s İpek (Silk) Han is two stories and octagonal in shape. The upper floor is used as the prayer room and is reached by a wooden staircase on the outside.

The han usually rose two stories and sometimes three, the upper floors reached by staircases from the courtyard. The ground floor was used to house animals such as camels, horses and mules that would have carried merchandise. It also had a large kitchen. The first floor would contain small rooms in which a merchant would store his goods and sleep. These rooms would have fireplaces for winter weather.
The origins of the han have been traced back to the ribat, soldierly outposts along the coast of North Africa, stationed there some time after the rise of Islam in the seventh century. Before that in the Near East, there is little evidence of any similar building, although that may be because they have not yet been excavated or any findings published. In any case, it is much more exciting and rewarding to go after palaces and temples. Some attribute the first of the han-type buildings to the Achaemenid kings who ruled Persia from 550 to 330 B.C. Later, there were areas including buildings that were deemed emporia among the ancient Greeks and later the Romans. These were places where merchants could settle and sell their wares.

A paper by Dimitroukas Ioannis, “Byzantine Roads in Asia Minor,” gives well-documented and detailed information on the road system that includes the routes taken by the important caravan trade from the coast as far east as Erzurum and south through Cilicia, including trade with Arabs. While the author gives details on routes and mentions several cities that served as emporia, he says nothing about the type of housing that would be available along the route.

resim8

The first Ottoman han built in Bursa 
A number of caravanserai remain in Anatolia from the Seljuk period and a number of them have been restored so that one gets a sense of the scale of these monumental buildings with their enormous pillars and vaults. But as Ulya Vogt-Goknil points out in her book “Living Architecture: Ottoman,” when it came to the Ottomans, they were much more interested in the functional aspects of architecture, so the han became smaller in size and more suitable for cities in which these buildings had to fit in with other buildings.

The first Ottoman hans were those built in Bursa when the city was the capital of the Ottoman state. They were named after the commodity that was sold within and were probably under the guild that was involved. So we see the Cocoon Han, Silk Han, Rice Han and so forth. The Emir Han, which still exists, is the oldest and was built by Orhan Gazi sometime after he gained control of Bursa in 1321. It had 16 rooms with windows upstairs and a small stable with 36 storerooms on the ground floor.
The hans of Istanbul were much larger and generally built with three or even four stories. While their interior shapes were also square or rectangular, they had to account for the fact that many of them were built on hillsides in the Old City. There are today some 70 hans left in the city, twelve of which are in the old city. One can find them mostly in the area between the Covered Bazaar and Eminönü and as far west as Tahtakale. While the Covered Bazaar originally started out in the 15th century as the İç Bedestan, the fortified building in which people kept their valuables, it has grown much larger thanks to the addition of many hans that sprang up in the vicinity. As more and more of these hans were erected, they became attached to each other, although retaining their original names, and are now considered one building, the Covered Bazaar. But only the Kurkcu Han remains from the Fatih period. It should be noted that this area was also the commercial area under the Late Roman Empire and the Byzantine Empire. A second commercial area sprang up in the vicinity of the Fatih Mosque complex.
images (18)
Few of the hans remained 
It’s not so surprising that few of the hans remain from the Ottoman period as the Old City has experienced so many fires and earthquakes. Although modern buildings have replaced almost all of the old hans, one can still see small imitations of the splendid old hans.

Of course there are other hans around the city, especially in the Beyoğlu area. These were built in the period following the destructive fire in 1870 and are still operating today.

For example, the Sismanoglio Megaro Han is now part of the Greek consulate and a portion of it is used for exhibitions such as the one that has just opened with photographs of Istanbul’s old hans. One of the guests at the exhibition opening was heard saying how beautiful it was that a Greek han, Sismanoglio Megaro, was the venue for an exhibition of photos of Istanbul hans. Another commented on the parallel between the people working in the old hans, who were struggling to make a living, and the hans, which struggle to stay alive today.

If one thinks about it, the modern shopping center is rather like a han, with its stores and depots lining a courtyard; just think of the Ataköy Galleria or the Cevahir Center. The old hans served their purpose but they’re still with us. It’s just that they’ve changed their form slightly.

buyuk-valide-hani

fonte: Daily News

Annunci

Arriva il Ramazan!!

Standard

 

Il mese sacro delRamadan,  (chiamato Ramazan  in Turchia) è un momento speciale. Il mese sacro, e la vacanza di 3 giorni   che lo segue, può influenzare i piani dei viaggiatori a volte.

Ricordati di prenotare i ristoranti per la sera!!

Essendo una festa islamica, il Ramazan  inizia 11 giorni prima dell’anno precedente. Ecco le date del Ramazan per i prossimi anni:

 

Ramazan Bayram
2013: 9 luglio  – 7 agosto 
2014: 28  giugno – 27 luglio 
2015:
 17 giugno – 16 luglio 
8-10 agosto
28-30 luglio
17-19 luglio


 Ramazan (Şeker Bayrami)

il Ramazan è seguito immediatamente di una festa nazionale di tre giorni,il Ramazan Bayrami(chiamato anche Şeker Bayramı,La festa dello Zucchero; (Eid es-Seghir o Eid al-Fitr , in arabo), che cade in queste date:

2013: mezza giornata “preparazione” (Arife) vacanza il Mercoledì, 7 agosto , vacanze di un giorno l’8, 9 e 10agosto (Giovedi-Venerdì-Sabato).

E questo è lo spirito:

 

 

Si mangia tutti insieme!!!! 😉

cosa bevo a Istanbul? Ayran!

Standard

keep-calm-and-drink-ayran

da Wiki:

L’ ayran è una bevanda a base di yogurtacqua e sale originaria delle genti Turco-Altaiche. Attualmente la Turchia è il primo produttore al mondo di questa bevanda. Si ritiene comunemente che la pratica di aggiungere sale allo yogurt abbia avuto origine in tempi antichi e aveva la funzione di prolungare il tempo di conservazione. Attualmente la bevanda è molto popolare in Medio OrienteAsia Centrale e in Europa sud-orientale.

ayran_bakir_masraba_bardak

I tipi di ayran più comuni in Turchia sono a base di latte ovino o vaccino, ma è diffuso anche il tipo preparato con il latte caprino. Più raro è l’uso di altri tipi di latte, come quello di dromedario. A seconda del latte usato e della lavorazione, l’ayran ha una consistenza più densa e solida o più liquida e leggera, e può avere bolle e schiuma.

Di solito l’ayran viene servito molto freddo per accompagnare grigliate di carne o piatti di riso. È considerato la bevanda ideale per contrastare la sensazione di bruciore data dai cibi molto piccanti.

L’ ayran è un alimento scientificamente molto studiato, è un prebiotico e probioticointegratore salino ottimale per contrastare la disidratazione e le abbondanti sudorazioni; è molto diffuso nei Paesi turcofoni al punto da essere considerato in alcuni luoghi, per esempio in Turchia, una categoria di bevande a sé stante con numerose varianti e preparazioni. Infatti l’ayran viene servito, nella forma base e derivata, sia in locali appositi sia in ristoranti e fast food, come nel caso delle catene internazionali McDonald’s e Burger King, che lo propongono nei menù della Turchia, Bulgaria ed altri Paesi. In alcune aree rurali della Turchia l’ayran rappresenta l’unico drink diverso dall’acqua potabile.

sutas_ayran_toplu_k

La ricetta più comune, base di tutte le preparazioni, per una dose di 4 porzioni richiede:

  • 1,5 tazze di yogurt naturale;
  • 1,5 tazze di acqua;
  • 1 cucchiaino da tè colmo di sale.

Mescolare in un frullatore per 30-40 secondi e servire freddo.

curiosità di quartiere: Cerrahpasa

Standard

La tratta delle bianche.

avrat_pazari istanbulslavemarket

Molte delle persone che sono salite a posizioni di autorità nell’impero ottomano, anche i grandi visir, hanno iniziato come schiavi, sia catturati dai pirati o raccolti con il “devsirme” (raccolta). La maggior parte degli schiavi erano stati educati come cristiani ma convertiti all’Islam all’arrivo a Istanbul. Anche le donne del harem erano effettivamente schiave (chiamati “cariyes”); alla Valide Sultan (regina madre) veniva concessa  la libertà dopo la morte di suo marito. Molti di loro sarebbero state vendute al Avrat Pazari,Il Mercato degli schiavi e donne che ha avuto luogo in quella che oggi è Cerrahpasa. Tra le famose donne del harem che sembrano aver passato da quel mercato erano Roxelana,  Kosem Sultano, e Mihrisah Sultan, madre del sultano Selim III,.Il mercato è stato chiuso nel 1847, anche se gli schiavi continuarono ad essere venduti altrove  fino al 1922.

sultan_and_lady_of_a_harem_k131813 images12 harem_flower roxelana images (34) harem hurrem3 Rosati_harem-dance 301242_423340371069728_228461625_n Ayşegül-Aldemir-Yazıları-22 images (36)

Le parabole di Mullah Nasreddin Hodja

Standard

nasreddin-hoca-dusunur-fikrasi
Nasreddin era un saggio un po’ speciale vissuto tanti secoli fa in Turchia quando in Oriente regnava il Khan Timur Lang detto Tamerlano. Fu viaggiatore del mondo ed è noto da Buchara a Samarcanda, da Mombasa a Singapore. Le sue gesta e soprattutto le sue sentenze e storielle, solo apparentemente senza senso, hanno lasciato traccia ovunque si sia diffusa la cultura islamica. Quelle storie brevi e buffe si raccontano anche oggi in Iraq, in India e in tanti altri paesi d’Oriente e d’Occidente con nomi e dettagli cambiati, ma con spirito affine. In particolare somigliano a quelle che si raccontano nel Nord Europa e che hanno per protagonista Till Eulenspiegel, o a quelle che nella cultura ebraica vengono attribuite a un rabbino saggio e stravagante e infine ad un personaggio presente nelle culture del bacino del mediterraneo, Giufà in siciliano, Guhâ in arabo e in turco appunto Nasreddin Hodja o Nasreddin Hoca.
Nessuno sa come siano nate, ma la cosa in verità non ha molta importanza. Quello che le ha fatte sopravvivere nei secoli è la tradizione orale, ossia il fatto che sono state tramandate a voce di generazione in generazione e così le radici sono le stesse per tutti i racconti, anche se le varianti sono infinite.StorieLe malelingue

Un giorno, Nasreddin Hodja e suo figlio andavano al mercato. Il figlio cavalcava l’asino, e lui, lo accompagnava a piedi. Un passante brontolò: “Ecco la nostra gioventù moderna, lasciarsi portare tranquillamente dall’asino, obbligando il suo vecchio padre, con il suo pesante turbante, a seguirlo a piedi!”
“Padre, te lo avevo detto!” Mormorò il figlio. “Andiamo, non indugiare e prendi il mio posto.”
Nasreddin Hodja acconsenti. Essi fecero così un pezzo di strada fino a che si sentirono interpellare da un gruppo di paesani: “Ehi Hodja, le tue ossa si sono indurite, sei distrutto dal peso degli anni, perché costringi quest’adolescente, nel fiore degli anni, a zoppicare leggermente dietro di te?”
A queste parole, Hodja non trovò meglio che far montare suo figlio dietro di lui, sulla groppa dell’asino. Non erano andati molto lontano che alcuni individui gli sbarrarono la strada, gridando: “Che gente spietata! Due persone su di un povero asino. E dire che é il nostro famoso Hodja che tollera ciò! Se questa non é una vergogna!”
Questa volta, Nasreddin Hodja, fuori di se, discese subito dal somaro, ed anche suo figlio, e entrambi proseguirono andando dietro l’asino libero del suo carico. Siccome ogni cosa ha una fine, subirono i rimproveri di alcuni mascalzoni che incontrarono poco dopo.
“Che idiozia! Vedere l’asino sgambettare e caracollare in libertà, mentre i suoi padroni, sfidando la polvere e l’intollerabile calore, fanno la strada a piedi! Non si è mai vista una cosa simile!”
“Vedi, figlio mio”, disse Nasreddin Hodja al culmine della pazienza, “ammiro le persone che si sono liberate delle malelingue! Tu, fai come ti sembra meglio e che la gente dica ciò che più desidera, perché le bocche degli uomini non sono un sacco che si possa chiudere!”
Tradotto da Claudio Buffa

L’asino non può leggere più di questo

Un giorno, Tamerlano, aveva ricevuto, in regalo, un asino egiziano di grande valore. Lo fece vedere ai suoi cortigiani che non fecero che elogiarlo. Rivolgendosi a Nasreddin Hodja:
– E cosa ne pensi, tu, di quest’asino?
– In fede mia… secondo me, noto in quest’asino grandi doti Se tu me lo ordini, posso insegnargli a leggere in pochi mesi. Tamerlano, molto incuriosito, rispose:
– Se tu vi riesci, ti ricompenserò bene.
Hodja, per questa storia, si vide accordare un periodo di tre mesi.
Al termine di questo periodo, Hodja portando il somaro per la cavezza, lo portò da Tamerlano, poi, tirando fuori un grande libro che aveva portato con se, lo mise davanti all’animale. Questo, subito, si mise a voltare velocemente, con la lingua, le pagine del libro e a ragliare quasi ad ogni pagina. Tamerlano che si aspettava di vedere un artificio maggiore, domandò ad Hodja come aveva fatto per arrivare a questo risultato.
Hodja, di rimando:
– Ecco… dopo aver lasciato la reggia, ho chiuso l’asino nella scuderia. Quel giorno non gli detti nulla da mangiare. Il giorno dopo feci rilegare un grosso libro e mettere grani d’orzo, tra i fogli. L’asino affamato, sentendo l’orzo, cominciò a voltare le pagine del libro con la sua lingua. Dove non incontrava nulla, mi guardava in faccia e si metteva a ragliare. Ed é così che l’ho abituato a nutrirsi. Un uomo dell’assemblea, per sminuire l’effetto delle parole di Hodja, disse:
– Vediamo… francamente, io non ci ho capito nulla. L’asino ha semplicemente voltato le pagine e ragliato. Che c’è di straordinario in questo?
Nasreddin Hodja, in risposta:
– L’asino non può leggere più di così! Solamente nel caso in cui si vorrebbe fargli apprendere di più, allora bisognerebbe veramente considerare asini noi stessi!
A queste parole, tutta l’assemblea, Tamerlano per primo, rise lungamente e di buon cuore.
Tradotto da Claudio Buffa

I Contadini che ci sapevano fare coi Numeri

Tra i luoghi che il mullah Nasreddin Hodja visitò nei suoi viaggi, c’era un villaggio i cui abitanti erano noti per essere particolarmente esperti nei calcoli. Nasreddin trovò alloggio presso la casa di un contadino. Il mattino dopo Nasreddin si accorse che nel villaggio non c’era un pozzo. Ogni mattina, un membro di ogni famiglia del villaggio caricava uno o due asini con delle brocche per l’acqua vuote, raggiungeva un ruscello ad un’ora di cammino dal villaggio, riempiva le brocche, e le riportava indietro, impiegando un’altra ora.
“Non sarebbe meglio se aveste l’acqua nel villaggio”, chiese l’hodja al contadino presso il quale abitava.
“Oh, molto meglio”, disse il contadino. “ogni giorno l’acqua mi costa due ore di lavoro per l’asino e per il ragazzo che lo conduce. In totale 1.460 ore l’anno, se calcoliamo l’asino uguale al ragazzo. Se l’asino e il ragazzo impiegassero quel tempo a lavorare nei campi, io potrei, per esempio, piantare un intero campo di zucche e raccogliere 457 zucche in più ogni anno”.
“Mi pare che voi abbiate previsto ogni cosa per bene”, disse l’hodja con ammirazione”. E allora, perché non scavare un canale che porti l’acqua al villaggio?”
“Non è così semplice”, disse il contadino. “Sulla strada c’è una collina che dovremmo scavare e togliere. Se utilizzassi ragazzo e asino per scavare un canale, piuttosto che mandarli per acqua, ci metterebbero 500 anni, lavorando due ore al giorno. Io potrò forse campare ancora trent’anni, quindi mi costa molto meno farli portare l’acqua”.
“Sì, ma sarebbe compito soltanto tuo scavare un canale? Ci sono molte famiglie in questo villaggio”.
“Certamente”, disse il contadino, “ci sono esattamente 100 famiglie. Se ogni famiglia mandasse un ragazzo e un asino ogni giorno per due ore, ci vorrebbero cinque anni per finire il canale. E se lavorassero dieci ore al giorno, per finirlo ce ne vorrebbe uno”.
“Allora perché non parli con i tuoi compaesani e gli suggerisci di scavare il canale tutti insieme?”
“Dunque, se devo discutere una questione importante con un compaesano, lo invito a casa mia, gli offro tè e halvah, parliamo un po’ del tempo e delle previsioni per il prossimo raccolto, poi si parla della sua famiglia, delle sue figlie, e dei suoi nipoti. Poi gli offro il pranzo, e dopopranzo prendiamo di nuovo il tè. Poi lui s’informa della mia fattoria e della mia famiglia, poi arriviamo al punto, con piacere e con calma. Per tutto questo ci vuole un intero giorno. Siccome nel villaggio ci sono 100 famiglie, Io dovrei parlare con 99 capofamiglia. Devi ammettere che non posso permettermi di passare novantanove giorni di seguito in queste discussioni. La mia fattoria andrebbe alla malora. Il massimo che possa fare è invitare a casa mia un compaesano alla settimana. Ma se un anno ha cinquantadue settimane, mi ci vorrebbero almeno due anni per parlare con tutti i miei compaesani. Conoscendo i miei compaesani, tutti alla fine concorderebbero che sarebbe meglio avere l’acqua nel villaggio, perché ci sanno tutti fare coi numeri. E conoscendoli bene, ognuno di loro si impegnerebbe a partecipare all’impresa, se anche gli altri lo facessero. Insomma, dopo due anni dovrei cominciare tutto daccapo. Dovrei invitarli a casa mia e riferire che anche gli altri sono d’accordo a partecipare”.
“E’ vero”, disse l’hodja, “ma dopo due anni sareste pronti per cominciare il lavoro. E dopo ancora un anno, il canale sarebbe finito!”
“Esatto”, disse il contadino. “Così gli scansafatiche trarrebbero dal canale lo stesso vantaggio degli altri, ma senza la spesa”.
“Devo ammettere che è così” disse l’hodja.
“Così chiunque ci sappia fare coi numeri cercherà di sottrarsi al proprio dovere. Un giorno l’asino zoppicherà. Un altro giorno il figlio di qualcuno avrà la tosse. E poi si ammalerà la moglie di qualcun altro, e ci sarà bisogno del ragazzo e dell’asino per condurre il dottore. Ma nel nostro villaggio, tutti ci sanno fare coi numeri, così ognuno cercherà di evitare di fare la sua parte. E siccome ognuno di noi sa che gli altri non si ammazzeranno di lavoro, nessuno manderà il suo ragazzo e il suo asino a lavorare. Quindi i lavori per il canale non cominceranno mai.”
“Devo ammettere che i tuoi argomenti sembrano assai convincenti”, disse l’hodja. Rimuginò per un po’, e d’improvviso esclamò, “Ma io conosco un villaggio, dall’altro versante dei monti, che ha esattamente gli stessi vostri problemi, ma sono vent’anni che c’è un pozzo”.
“Bene”, disse il contadino, “evidentemente non ci sanno fare coi numeri”.
Tradotto da Giovanna Rampone

Mullah Nasreddin Hodja
Vedi anche Le storie di Mullah Nasreddin Hodja (Giufà)

Nasreddin è diventato una specie di icona popolare, ma è anche un personaggio realmente vissuto nel XIII secolo, a cui parecchie città turche si contendono l’onore di aver dato i natali.
Vi è anche chi lo dice vissuto alla corte del Khwârezm (odierni Uzbekistan e Turkmenistan) alla fine del XII secolo, o al tempo di Tamerlano tra XIV e XV secolo (vi sono molte storie su Nasreddin e Tamerlano), o ancora a Kûfa, sud dell’Irâq, nell’VIII secolo. Alcuni persino affermano che sia sepolto in Algeria e la sua tomba meta di pellegrinaggi.
Tuttavia il più vecchio racconto su di lui si trova nel Saltukname, opera sulderviscio guerriero Sari Saltuk Dede composta nel 1480 da Ebul Hayri Rumi per il principe Cem Sultan, che contiene varie storie e leggende popolari. NelSaltukname si dice che Nasreddin «nacque a Shivrihisar e che i nativi di Shivrihisar erano famosi per il loro strano comportamento e ingenuità. Lo strano comportamento dei nativi di Shivrihisar è anche menzionato in un libro di racconti manoscritto che si trova nella Bibliothèque Nationale a Parigi. Questi documenti sono considerati prove della sua nascita in Shivrihisar».
Concordemente si esprime nella sua opera Mecmua-i Maarif Hüseyin Efendi, müfti (giureconsulto islamico) di Shivrihisar morto nel 1880, affermando che Nasreddin nacque nell’anno 605 dell’Egira (che va dal 16 luglio 1208 al 5 luglio 1209 dell’era cristiana) nel villaggio di Hortu presso Shivrihisar, cittadina dell’Anatolia centrale più o meno a mezza strada tra Eskishehir ed Ankara, e un po’ più lontana, a nord, da Akshehir (“città bianca”).
Siamo dunque nell’era del potere selgiuchide, quella di Mowlânâ Jalâl-od-Dîn Rûmî, grandissimo tra i mistici, di `Attâr, di Muhyiddîn ibn al-`Arabî, e del massimo poeta mistico turco, Yunus Emre.
La leggenda che Nasreddin conoscesse Tamerlano, invece, nasce dal terzo volume del Seyahatname (“Libro di viaggi”), opera in dieci volumi di Evliya Çelebi (nato nel 1611 ed ancora vivo nel 1683) che descrive i paesi componenti l’impero ottomano e alcuni limitrofi. In tale libro si dice che Nasreddin era di Akshehir, che visse al tempo di Murad I (1326-89) e di Yildirim Han (1389-1402), e che partecipò a riunioni di dotti alla presenza di Tamerlano. Sennonché questa non è una fonte attendibile. Ci dice infatti Alessio Bombaci che l’opera in Turchia non fu presa affatto sul serio, bensì vista come una raccolta di novelle, in quanto l’interesse curioso e appassionato e una grande capacità descrittiva vi si fondono «in definitiva con il più assoluto disprezzo per la verità».

10208059-kocaeli-turchia--19-settembre-uomo-non-identificato-nel-costume-nasreddin-hodja-19-settembre-2010-a-

Vita di Nasreddin
Nasreddin era figlio di Abdullah Efendi, imam del villaggio di Hortu, e di Sidika Hatun, e studiò nella scuola teologica (medrese) di Shivrihisar e nella scuola hanefita di Konya. Morto il padre divenne a sua volta imam del villaggio per anni, finché nel 1237 si trasferì ad Akshehir, dove studiò con famosi eruditi del suo tempo come Seyid Mahmud Hayrani (morto ad Akshehir nel 1268-69) e Seyid Haci Ibrahim. Pare che due vakifname (atti di pia donazione), scritti rispettivamente da Hayrani nel 1257 e da Haci Ibrahim nel 1267, riportino il suo nome.
Nel Saltukname si dice anche che Sari Saltuk fu discepolo di Hayrani insieme a Nasreddin, a cui avrebbe in un’occasione fatto visita ad Akshehir.
Successivamente Nasreddin divenne professore alla scuola teologica della città e funse anche da giudice (kadi), caratterizzandosi, se si sta a quanto se ne racconta, talvolta per la severità e talvolta per l’umorismo. Ebbe, si tramanda, una o due mogli, due figlie (di cui una di nome Fatima) e un figlio.

Secondo alcuni Nasreddin «morì all’età di sessant’anni ovvero nell’anno 673 (A.D. 1274-75)», ma ragioni abbastanza solide indicano che morì piuttosto, come indica Hüseyin Efendi, ad Akshehir a 76 anni, nel 683 dell’Egira (che va dal 20 marzo 1284 all’8 marzo 1285).
«Grande attenzione – scrive Alpay Kabacali – ha ricevuto la data 386, che è stata trovata incisa su una lapide. In considerazione del suo senso dell’umorismo, la data è stata letta al contrario. Ora, l’anno 683 del calendario islamico corrisponde agli anni 1284-85».
Su tale epitaffio, ritrovato ad Akshehir, condusse ricerche Bursali Mehmed Tahir Bey, e fu Fuad Köprülü, in un suo libro in cui per primo si occupò di Nasreddin Hoca come personaggio storico, a darne notizia nel 1918.
Anche secondo Ibrahim Hakki Konyali, un altro storico, quello fu il primo epitaffio mai trovato che riguardasse Hoca. Lo stesso Konyali poi, mentre faceva ricerche sulle colonne della sua tomba, trovò un’altra iscrizione che dice: «La scrittura perdura, la vita è transitoria, l’uomo è peccatore, Dio è clemente. Questo fu scritto da Mehmed tra i soldati del grande Yildirim Bayezid nell’anno dell’Egira 796».
Ora, dall’aver trovato sulla sua tomba questo riferimento al 796 (1393-94) consegue che evidentemente Nasreddin morì prima, mentre il contenuto dell’iscrizione fa pensare che la tomba fosse da tempo meta di pellegrinaggio.
Un’altra lapide, trovata a Shivrihisar e successivamente trasportata dapprima al Museo Mevlâna di Konya e poi al Museo di Akshehir, appartiene alla figlia Fatima, e riporta la data 727 (1326-27), indicando così che morì 43 anni (44 del calendario islamico) dopo il padre. Si è poi trovato il nome di Nasreddin anche su un’altra lapide presso la sua tomba. Riflette lo stile selgiuchide ed è ora anch’essa al Museo di Akshehir.
Il monumento sepolcrale di Nasreddin ad Akshehir, di aspetto gradevole, sormontato da una vasta cupola a coste sostenuta da molte sottili colonne, ne ha sostituito, all’inizio del ventesimo secolo, un altro più antico che ancor meglio simboleggiava l’assurdità nella vita che egli si era tanto preoccupato di evidenziare da vivo e che addirittura, secondo taluni racconti, sarebbe stato costruito su sua indicazione: anch’esso a cupola, ma con sole quattro colonne; tre lati aperti; nel quarto, saldamente murata, una porta chiusa da un enorme lucchetto, ovviamente del tutto inutile secondo il comune intendimento; e nella tomba stessa un foro, da cui Nasreddin poteva seguitare ad osservare il mondo…

nh02

trovato sul web qui:http://www.riflessioni.it/

cosa si mangia a Istanbul? i dolci…..

Standard

540840_582277471784067_179743861_n453da wiki:

Il (o anche la) baklava o baclava è un dessert ricchissimo di zucchero, frutta secca e miele molto popolare in Turchia e in quasi tutte le cucine arabe e balcaniche.

La storia del baklava non è ben documentata ma oggi, patentata a Gaziantep che è una città Turca. È stato rivendicato da molti gruppi etnici, ma molto probabilmente si tratta di un piatto turco proveniente dall’Asia Centrale, il quale è stato sviluppato nella sua forma attuale nelle cucine imperiali del Palazzo di Topkapi.[1]

253909_550367641641717_596394278_n

Il kadaif, kadayıf (Turco), kataifi, kadaifi (Greco κα(ν)ταΐφι), knāfeh, kunāfah, o kunfeh (arabo: كنافة‎) è un tipo di spaghetto molto fine usato per preparare dolci e pasticcini.

È stato inventato dagli Ottomani. I fili sono intrecciati tra di loro in modo irregolare e vengono bagnati con sciroppo di zucchero.

292907_499758573369291_1558538251_n

Il lokum (in arabo rahat al-qum, detto anche “Turkish delight”) è un caratteristico dolce turco.

Si tratta di un prodotto dolciario fatto di amido e zucchero, di consistenza gelatinosa. Viene aromatizzato con acqua di rose,limone, pistacchi, mandorle, spezie, cannella o menta. Una variante prevede zucchero a velo o farina di cocco con cui ricoprire il tutto a fini conservativi.

Secondo la compagnia Confettiera “Ali Muhiddin Hacı Bekir” di Istanbul, fondata nel 1777, il lokum si produce in Turchia sin dal XV secolo. Anticamente veniva prodotto con melassa e miele come dolcificanti e acqua e aromi come leganti. L’attuale ricetta (che prevede amido e zucchero) invece, fu inventata e commericializzata dalla stessa ditta “Ali Muhiddin Hacı Bekir” nel XIX secolo [1]. Fu introdotto in Europa dagli Inglesi con il nome di Turkish Delight (delizia turca) diventando noto e apprezzato in tutto il continente[2].

562264_465175773494238_2139541730_n

281729_542561889088959_987250450_n

207858_499757160036099_1089169340_n 561225_474826562529159_986490606_n 553336_473645545980594_2107939191_n 600496_465172880161194_1319050151_n 318008_458646917480457_297375049_n 295044_458646637480485_374547407_n 45292_441320449213104_1740346683_n 564885_441315452546937_1164474880_n 562818_415253078486508_2130363883_n 562043_415234038488412_1087370455_n 261549_243357405676077_3055064_n

20130406-124908.jpg

20130406-124922.jpg

20130406-124947.jpg

20130406-125021.jpg

20130406-125824.jpg

20130406-125905.jpg

20130406-130008.jpg

 

Il tuo con una rinfrescante limonata!!

thumb_600

E come si può notare…il mio posto preferito per mangiarli è da Hafiz Mustafa! E il mio Hafiz Mustafa preferito è quello di Sirkeci:

Hocapasa Mahallesi Muradiye Caddesi

No: 51, Sirkeci – Fatih – Istanbul,
34080 Sirkeci Eminönü / Istanbul

Tel:+90 (212) 527 66 54
Fax:+90 (212) 513 36 11

h1

gli altri indirizzi sono:

-Hobyar Mahallesi Hamidiye Cad. No:84 Bahçekapı Eminönü – İstanbul

-Divanyolu Cad. No:14 

Sultanahmet / İstanbul
34122 İstanbul

-Gümüşsuyu Mah. Sıraselviler Cad.
No:7/B Beyoğlu – İstanbul

 

Nargilè…..

Standard

images (26)

Hubble-bolla, o Nargile è una delle più antiche tradizioni in Turchia e ha appassionati di ogni età e sesso che trovano piacere nel fumare. Il nargile originale è venuto dall’India, ma era piuttosto primitivo fatto di gusci di cocco. L’idea di base era quella di rimuovere l’interno della noce di cocco e di immergere una cannuccia nel suo guscio. La sua popolarità si diffuse in Iran, dove la parola ” nargil“significa noce di cocco in persiano, e nel mondo arabo. Tuttavia il narghilè ha completato la sua evoluzione in Anatolia quando è stato portato nel 17 ° secolo e divenuto una parte molto importante della cultura delle case di caffè e non ha cambiato il suo stile per le ultime centinaia di anni.

Artigiani turchi incidono bei disegni ,come bottiglie trasparenti, bianche o colorate che sembrano come se fossero fatti di ghiaccio cristallizzato, o più comuni disegni come frutta o fiori.

Come uno dei principali passatempi della popolazione maschile nella società, la preparazione del narghilè era cerimonioso e volutamente prolungato, in particolare dal più anziano maschio in una famiglia. Al fine di abbellire,nelle vecchie case turche, era sempre riservato un posto speciale per sistemarlo.

Ora turchi non hanno più tempo per sedersi e fumare il narghilè  come i loro padri e nonni hanno fatto anni fa. Purtroppo, come le cose più belle del passato,il narghilè ha  subito un calo con la disponibilità delle sigarette, che ha cambiato per sempre il modo in cui i turchi usano il tabacco. Tuttavia, recentemente il narghilè ha catturato l’interesse delle nuove generazioni in Turchia alla ricerca della loro storia e delle tradizioni, e recentemente la rapida riconferma dei nargile caffè, si possono vedere molte persone che godono di questo vecchio piacere .

 

img1024-700_dettaglio2_narghile-Turchia-afp

corlulu-ali-pasa-medresesi

istanbul_2 375699155_a492b70a7c_o

Oltre ai giovani turchi, i turisti che visitano la Turchia sono attratti dal narghilè e spesso li comprano come souvenir da portare a casa per la loro famiglia e gli amici. La nuova moda è il tabacco  aromatizzato alle fragole, mele o cappuccino. Ci vuole circa un’ora per fumare la pipa piena di tabacco alla frutta, due ore per quella più forte. Il fumo è notevolmente più freddo dal fumo di sigaretta, e leggermente inebriante.

3581860

Gli anziani turchi  amanti del narghilè affermano che fumare un narghilè non è come fumare una sigaretta e anche aggiungono: “Le sigarette sono per le persone nervose, le persone competitive e le persone in fuga. Quando si fuma un narghilè, si ha il tempo di pensare . Ti insegna la pazienza e la tolleranza, e ti dà la possibilità di apprezzare buona compagnia.  I fumatori di narghilè hanno un approccio molto più equilibrato alla vita rispetto ai fumatori di sigarette. ” Fino a quando vi è la necessità di compagnia e di amicizia, fino a quando la gente vuole fermarsi e pensare, ci sarà un caffè nargile “è uno dei detti più popolari al giorno d’oggi.

images (25)

my merhaba