Archivi tag: mercati

APP: the best pictures of Istanbul (and beyond ..) directly on your iphone or ipad! Wonderful!

Standard

http://www.padplaces.com/stories-pages/Sulukule.html

re-or-pad-02
©Andrea Pistolesi

splash-home
©Andrea Pistolesi

Un’idea fantastica! Un regalo a tutti quelli che come me amano scoprire il nuovo,il diverso in giro per il mondo,il “dietro le quinte turistiche” di Istanbul e di molti,molti altri magici luoghi! Per chi apprezza la bellezza del viaggiare,a volte senza uscire di casa,a volte prima di partire. E anche per quelli che semplicemente apprezzano una bella fotografia d’autore. Una soluzione pratica,semplice,veloce e bellissima per godersi ovunque e magari condividere scoperte di nuovi posti,o ricordare posti già visitati con amici nelle straordinarie immagini di un rinomato fotografo di viaggi italiano, Andrea Pistolesi, attraverso la sua geniale applicazione per iphone e per ipad dove racconta (con le sue fotografie,e ci ha promesso in breve con racconti dei suoi viaggi! e viva!) il suo girovagare per il mondo.

l’indirizzo del sito di Padplaces : http://www.padplaces.com/Home.html

e il link per scaricarlo (è pure gratis!!): http://itunes.apple.com/app/padplaces/id398338187?mt=8

GIPSY FORBIDDEN NIGHTS IN ISTANBUL

BTI22EZ0363
©Andrea Pistolesi

ISTANBUL MUSIC

BTI31K2370
©Andrea Pistolesi

ISTANBUL GRAND BAZAAR

BTI33M0163
©Andrea Pistolesi

Annunci

in the web:The indispensable Ottoman han

Standard

an_old_han_near_eminonu

What is a han? An Ottoman Turkish building that combined an urban hotel, stable, storage depot and wholesale selling point is more a descriptor than a definition. Before the Ottomans had hans, the Seljuk Turks built many and before the Seljuks, the Persians. But it should be pointed out that the Seljuks were much more interested in erecting caravanserai (caravan palaces), which served the many commercial caravans going between cities, than hans. They were located approximately one day’s journey between each, or 30-40 kilometers. This clearly was a reflection of the much larger economy under Ottoman control and the growth of trade in the Mediterranean.

There is hardly any difference between a han and a caravanserai except for the first being urban and the later being situated on the roads and highways between urban settlements. Their structures were practically the same. As a building, the han had very high, thick walls with one or possibly two entrances, the better to guard against any external attack by enemy soldiers or brigands. The corners of the walls would have watch towers and they would have been seen as fortresses more than hotels and markets. They were made of stone and were either square or rectangular. And in the center there would be an open courtyard that generally contained a fountain for performing the ritual ablutions required in Islam and a very small mosque.

The latter in Bursa’s İpek (Silk) Han is two stories and octagonal in shape. The upper floor is used as the prayer room and is reached by a wooden staircase on the outside.

The han usually rose two stories and sometimes three, the upper floors reached by staircases from the courtyard. The ground floor was used to house animals such as camels, horses and mules that would have carried merchandise. It also had a large kitchen. The first floor would contain small rooms in which a merchant would store his goods and sleep. These rooms would have fireplaces for winter weather.
The origins of the han have been traced back to the ribat, soldierly outposts along the coast of North Africa, stationed there some time after the rise of Islam in the seventh century. Before that in the Near East, there is little evidence of any similar building, although that may be because they have not yet been excavated or any findings published. In any case, it is much more exciting and rewarding to go after palaces and temples. Some attribute the first of the han-type buildings to the Achaemenid kings who ruled Persia from 550 to 330 B.C. Later, there were areas including buildings that were deemed emporia among the ancient Greeks and later the Romans. These were places where merchants could settle and sell their wares.

A paper by Dimitroukas Ioannis, “Byzantine Roads in Asia Minor,” gives well-documented and detailed information on the road system that includes the routes taken by the important caravan trade from the coast as far east as Erzurum and south through Cilicia, including trade with Arabs. While the author gives details on routes and mentions several cities that served as emporia, he says nothing about the type of housing that would be available along the route.

resim8

The first Ottoman han built in Bursa 
A number of caravanserai remain in Anatolia from the Seljuk period and a number of them have been restored so that one gets a sense of the scale of these monumental buildings with their enormous pillars and vaults. But as Ulya Vogt-Goknil points out in her book “Living Architecture: Ottoman,” when it came to the Ottomans, they were much more interested in the functional aspects of architecture, so the han became smaller in size and more suitable for cities in which these buildings had to fit in with other buildings.

The first Ottoman hans were those built in Bursa when the city was the capital of the Ottoman state. They were named after the commodity that was sold within and were probably under the guild that was involved. So we see the Cocoon Han, Silk Han, Rice Han and so forth. The Emir Han, which still exists, is the oldest and was built by Orhan Gazi sometime after he gained control of Bursa in 1321. It had 16 rooms with windows upstairs and a small stable with 36 storerooms on the ground floor.
The hans of Istanbul were much larger and generally built with three or even four stories. While their interior shapes were also square or rectangular, they had to account for the fact that many of them were built on hillsides in the Old City. There are today some 70 hans left in the city, twelve of which are in the old city. One can find them mostly in the area between the Covered Bazaar and Eminönü and as far west as Tahtakale. While the Covered Bazaar originally started out in the 15th century as the İç Bedestan, the fortified building in which people kept their valuables, it has grown much larger thanks to the addition of many hans that sprang up in the vicinity. As more and more of these hans were erected, they became attached to each other, although retaining their original names, and are now considered one building, the Covered Bazaar. But only the Kurkcu Han remains from the Fatih period. It should be noted that this area was also the commercial area under the Late Roman Empire and the Byzantine Empire. A second commercial area sprang up in the vicinity of the Fatih Mosque complex.
images (18)
Few of the hans remained 
It’s not so surprising that few of the hans remain from the Ottoman period as the Old City has experienced so many fires and earthquakes. Although modern buildings have replaced almost all of the old hans, one can still see small imitations of the splendid old hans.

Of course there are other hans around the city, especially in the Beyoğlu area. These were built in the period following the destructive fire in 1870 and are still operating today.

For example, the Sismanoglio Megaro Han is now part of the Greek consulate and a portion of it is used for exhibitions such as the one that has just opened with photographs of Istanbul’s old hans. One of the guests at the exhibition opening was heard saying how beautiful it was that a Greek han, Sismanoglio Megaro, was the venue for an exhibition of photos of Istanbul hans. Another commented on the parallel between the people working in the old hans, who were struggling to make a living, and the hans, which struggle to stay alive today.

If one thinks about it, the modern shopping center is rather like a han, with its stores and depots lining a courtyard; just think of the Ataköy Galleria or the Cevahir Center. The old hans served their purpose but they’re still with us. It’s just that they’ve changed their form slightly.

buyuk-valide-hani

fonte: Daily News

curiosità di quartiere: Cerrahpasa

Standard

La tratta delle bianche.

avrat_pazari istanbulslavemarket

Molte delle persone che sono salite a posizioni di autorità nell’impero ottomano, anche i grandi visir, hanno iniziato come schiavi, sia catturati dai pirati o raccolti con il “devsirme” (raccolta). La maggior parte degli schiavi erano stati educati come cristiani ma convertiti all’Islam all’arrivo a Istanbul. Anche le donne del harem erano effettivamente schiave (chiamati “cariyes”); alla Valide Sultan (regina madre) veniva concessa  la libertà dopo la morte di suo marito. Molti di loro sarebbero state vendute al Avrat Pazari,Il Mercato degli schiavi e donne che ha avuto luogo in quella che oggi è Cerrahpasa. Tra le famose donne del harem che sembrano aver passato da quel mercato erano Roxelana,  Kosem Sultano, e Mihrisah Sultan, madre del sultano Selim III,.Il mercato è stato chiuso nel 1847, anche se gli schiavi continuarono ad essere venduti altrove  fino al 1922.

sultan_and_lady_of_a_harem_k131813 images12 harem_flower roxelana images (34) harem hurrem3 Rosati_harem-dance 301242_423340371069728_228461625_n Ayşegül-Aldemir-Yazıları-22 images (36)

shopping a Istanbul.cosa comprare al grand bazaar?

Standard

grand_bazaar_entrance___istanbul_by_junoejuno-d4ipkzt istanbul-grand-bazaar-map-1

beh…Il Grande Bazar d’Istanbul (in turco Kapalı çarşı, lett. “Mercato coperto”) è uno dei più grandi ed antichi bazar  del mondo.è enorme,ha (ufficialmente) 4.000 negozi e 28 porte di entrata e uscita.Ed uno potrebbe pensare alla quantità di cose diverse che potrebbe comprare…no.non è cosi! si,ci sono tantissimi negozi,ma che poi si ripetono…

Quindi arrivare con le idee chiare,piu o meno,e non farsi incantare dalle varie simpaticherie che vi raccontarano TUTTI  i venditori,che vengono insegnati a riconoscere il vostro paese di origine al primo colpo e le frasi piu importanti nella vostra lingua per attirarvi nel loro negozio (il che non esclude che sia una cosa divertente!),è una buona idea.

Se invece volete compagnia per girare in quel labirinto,consigli dal vivo su cosa e dove comprare,qualcuno che vi porti in giro a conoscere i piccoli segreti dei han e vedere dove lavorano alcuni artigiani e ottimizzare la vostra vita e il vostro tempo,guardate su questo blog la pagina delle visite guidate   https://casadelladry.wordpress.com/il-giro/ !

Tra tutto quello che si può trovare al grand bazaar di Istanbul,ci sono alcune cose che secondo me valgono la pena di essere portate a casa!

LE CERAMICHE: incantevoli! le ceramiche sono molto apprezzate dai turchi,sopratutto quella di Iznik,piu cara rispetto a tutte le altre ceramiche colorate e dozzinali.

Turchia_CeramicheTradizionali_shutterstock_57301378 (1)

un pò di storia della ceramica by Wikipedia:

Storia

Ad İznik si producevano già semplici oggetti di terracotta, decorati con smalto, nell’ultimo quarto del XV secolo, e in quel tempo gli artigiani locali iniziarono a produrre un tipo radicalmente diverso di ceramica decorandola con disegni protetti da uno smalto trasparente all’ossido di piombo. Il cambio della lavorazione fu certamente dovuto ad un intervento attivo e sotto il patrocinio del recentemente costituito Impero Ottomano ad Istanbul, il cui sultano apprezzava molto la porcellana cinese. I primi vasi vennero meticolosamente decorati usando blu cobalto. Il design molto dettagliato combinava i trazionali arabeschi ottomani con decorazioni riportanti elementi cinesi.

Nel corso del XVI secolo la decorazione sulla ceramica cambiò gradualmente stile, divenendo più flessibile e scorrevole. Vennero introdotti altri colori; agli inizi il turchesecombinato con il blu e poi le tonalità pastello del verde salvia pallido e del viola. Infine, a metà del secolo, il tipico bolo rosso sostituì il porpora e un luminoso verde smeraldosostituì il verde salvia. Dall’ultimo quarto del secolo vi fu un rapido deterioramento della qualità benché la produzione continuò, anche se i disegni del XVII secolo andarono impoverendosi.

Patrocinio della corte ottomana: Solimano il Magnifico [modifica]

Servitori con giare di ceramica di fronte al sultano Murad III, circa 1582.

Mattonella di İznik nella biblioteca neo-classica Enderûn nel palazzo Topkapi

Brocca in ceramica di İznik con decorazioni floreali ca. 1560–1570 (Museo del Louvre, Parigi)

Dopo la conquista di Costantinopoli nel 1453, i sultani ottomani iniziarono a programmare la costruzione di sontuose opere. In questi edifici, specialmente in quelli commissionati da Solimano, sua moglie Hürrem (Roxelana) e il suo Gran Visir Rüstem Pasha, vennero usate grandi quantità di mattonelle ceramiche di İznik. Soltanto la Moschea Blu di Istanbul contiene 20.000 piastrelle. La Moschea di Rüstem Pasha è ancora più densamente rivestita di dette mattonelle che vennero estensivamente utilizzate anche nel Palazzo Topkapı. A seguito di questa enorme richiesta, le mattonelle divennero il prodotto dominante nella produzione dei ceramifici di İznik.

Sotto Solimano il Magnifico (1520–66), la domanda di ceramiche crebbe enormemente. Giare, lampade, coppe, ciotole e piatti vennero prodotti in grande quantità, ispirandosi per le decorazioni, alle lavorazioni metalliche ed ai codici miniati, oltre che alle ceramiche cinesi. Vennero realizzati molti grandi piatti con decorazioni limitate, di pecore, animali, alberi e fiori. I piatti sembra fossero stati realizzati per decorazione visto che molti erano traforati e facilmente appendibili alle pareti, ma molti di quelli pervenuti sembrano scrostati a seguito dell’uso.[33] Le decorazioni degli anni 1520 comprendono il motivo saz nel quale delle foglie stilizzate, disegnate in maniera dinamica, sono bilanciate da forme di rosette. Nel tardo XVI secolo, lo stile quatre fleurs utilizzò un repertorio di tulipani stilizzati, garofanirose egiacinti.

Ceramiche Corno d’Oro (1530-1550) [modifica]

Le cosiddette ceramiche ‘Corno d’Oro’, o stile Tughra, erano una variante delle ceramiche bianche e blu e furono popolari dagli anni 1530 agli anni 1550.[34] Esse presero il nome dal luogo in cui furono trovate per la prima volta (il Corno d’Oro area della città di Istanbul), anche se successivamente si comprese che si trattava di manufatti realizzati ad İznik, a seguito di scarti di lavorazione e frammenti trovati in quella città.[35] Questo tipo di decorazione consiste in una serie di sottili spirali concentriche adornate da piccole foglie.[35]Questi disegni si ispiravano alla calligrafia, e specialmente alla firma di Solimano il Magnifico e a membri della sua dinastia. Recentemente il disegno è stato ribattezzato ‘stile Tugrakes spirale’. Esso è derivato dalla spirale usata sui documenti imperiali, come sfondo del tughra del sultano, o monogramma imperiale. In particolare, si riferisce molto da vicino a documenti che risalgono al regno del sultano Solimano il Magnifico. Qui, dunque, abbiamo un progetto in ceramica che riflette direttamente il gusto della corte imperiale.[36]

I TAPPETI:I tappeti turchi sono un ottimo acquisto. Ce ne sono di due tipi: quelli annodati (hali), in seta o lana con bei disegni di ispirazione persiana; e i kilim, tessuti a telaio e originari delle regioni dell’Anatolia. I più belli sono in lana di pecora o cammello tinti con colori vegetali.Vi conviene affidarvi ad un aiuto.

images (16)

images (15)

GIOIELLI:Tanti gioielli in oro con pietre preziose. Ma in genere sono un po’ grossolani. Più raffinate le creazioni artigianali in filigrana d’argento che riprendono i motivi tradizionali. Molto convenienti e belli gli oggetti in argento, dai vassoi agli specchi con retro e cornice in argento sbalzato, regalo bene augurante di matrimonio.Attenzione alla qualità dell’oro,spesso 14 o 18 k.

oro-al-gran-Bazar1 Subai Gold Souk 8

FOULARD E SCIARPE: Tessuti ricamati e coloratissimi,scialli di lana in colori scuri e bordo decorato,morbide sciarpe di seta prodotte a Bursa,pashmine in cashemire,ecc..

attenzione all’etichetta:

“Alcuni produttori utilizzano la pashmina termine per descrivere una fibra ultra sottile di cashmere, altri usano il termine per descrivere una miscela di cashmere e seta La FTC incoraggia i produttori e venditori di prodotti descritti come pashmina per spiegare ai consumatori, su un hangtag, per esempio. , che cosa intendiamo con il termine. Come tutti i prodotti di lana gli altri, il contenuto di fibre di uno scialle, sciarpa o altro elemento commercializzati come pashmina devono essere accuratamente resi noti., ad esempio, una miscela di cashmere e seta possono essere etichettati 50% Cashmere, 50% di seta o 70% Cachemire, 30% Seta, a seconda del cashmere e tenore di seta. Se la voce contiene solo cashmere, dovrebbe essere etichettato 100% Cashmere o Tutti Cashmere. L’etichetta non si può dire al 100% Pashmina, come pashmina è non una fibra riconosciuta dalla legge.”

700-03682527

SAPONI E PRODOTTI DELL’HAMAM:hummm…io non posso piu vivere senza!

il sapone di olio di oliva 100% naturale e fatto a mano è un idratante naturale. Olio di oliva, il principale ingrediente del sapone, ha la capacità superiore di formare una barriera,mantenendo l’umidità e rendendo la pelle morbida.L’Olio d’oliva è anche molto efficace nel neutralizzare i radicali liberi che danneggiano la pelle. Per secoli i popoli del mediterraneo e del mar egeo  sono consapevoli dei vantaggi dell’olio  d’oliva per la pelle.

stock-photo-18677074-turkish-hamam-s-olive-oil-soap-pumice-stone-and-cotton-towel

olive_oil_soap 

images (14)

 

Un peshtamal ( Turco : peştamal ) è un tradizionale turco asciugamano utilizzato nei bagni turchi .  In alcuni luoghi, si chiama pestamal o pestemal . Ci sono molti tipi di peshtamals, con diversi stili e colori in ogni aree della  Turchia.

Il peshtamal assorbe l’acqua più velocemente un asciugamano tradizionale, si asciuga molto velocemente, occupa meno spazio, è facile da trasportare ed è quindi utilizzato come alternativa al asciugamano in bagno, piscine, terme, spiagge, impianti sportivi e per la cura del bambino. Il tessuto peshtamal è realizzato in 100% cotone prodotto in tessuti a mano in telai in Turchia.

images (13) lalay_mikrokoton_pestamal_b 0987B410178CB84A850DD4FEr

Poi..LE LAMPADE! sono bellissime,con colori diversi…e vari modelli,misure,utilità…e potete aggiungere a qualunque decorazione,perche avrete una varietà talmente grande che impossibile non trovare quella che sta bene con il vostro arredamento….

13976898-lampade-turche-nel-grand-bazaar-istanbul-turchia 4

Ecco! questo sono secondo me sono le piu interessanti cose da portare a casa! Poi potete anche perdervi in tutto il resto….tra ottimi articoli in pelle,tshirt,istrumenti musicali,vestiti da danza del ventre,antiquariato,miniature….però alcune cose vi consiglio di comprare da un’altra parte…magari scrivo in un’altro post!

😉

11(16) grandbazaar2

I mercati di Istanbul….

Standard

Pazars

<p><a href=”http://vimeo.com/29210764″>Sali Pazari in Kadikoy, Part 2</a> from <a href=”http://vimeo.com/user4199743″>Danielle van Dobben</a> on <a href=”http://vimeo.com”>Vimeo</a&gt;.</p>

Super interessante provare l’esperienza dei  “Pazar” ,i mercati di quartiere per il tuo shopping di frutta e verdura.Sono super economici e un’esperienza unica. Cè sempre un mercato di distretto una volta alla settimana,come in Italia.I mercati di solito cominciano a funzionare alle 9:00 e chiudono quando fa buio. Cè abbigliamento, accessori decorativi per la ogni angolo della vostra casa (bagno, cucina, soggiorno, camera da letto, ecc) che vengono venduti a prezzi molto ragionevoli,oltre al cibo.
I più famosi sono  Salı Pazarı di Kadıköy (il martedì, Salı significa Martedì), Çarşamba Pazarı di Fatih e Yeşilköy (il mercoledì, Çarşamba significa Mercoledì), e Cumartesi Pazarı di Beşiktaş e Bakırköy il sabato, (Cumartesi significa Sabato). Tra l’altro hai già imparato i giorni della settimana senza nemmeno spendere minimo sforzo.;-)

Ricordatevi che sono mercati molto affollati,quindi state all’occhio alle vostre borse. Ci sono addirittura bus di persone che arrivano da città vicine per venire al  Salı Pazarı di Kadıköy (da Izmit, Bursa, Balikesir i bus interurbani regionali portano al Salı Pazarı e quindi può essere un bel giorno  divertente.)

In molti distretti ci sono i mercati comunali. Questi sono piccoli,sono strade coperte con negozi come  gastronomia, alcolici e sigarette, macelleria, pasticceria, e ci sono diverse bancarelle in cui vengono venduti pesce, pollo e uova. Sono un po ‘più costosi rispetto al settimanale  “Pazar”, ma meno rispetto ai supermercati. Sono chiusi una volta al mese, ad esempio ogni primo Martedì del mese. Naturalmente,  questi giorni sono diversi per ogni distretto. Non essere sorpreso dal numero di gatti che puoi vedere in queste pazars, ogni Pazar ha una popolazione enorme di gatti in quanto il cibo venduto è molto attraenti per loro!

Market in Kadıköy P1000536 P1000540 P1000538 Inebolu--007 Besiktas--007 Bakirkoy--007 Kadikoy--007 Carsamba-007 Yeşilköy-market-istanbul Yesilkoy--007 3208263981 DSC04331 15 195495285_640 sali-pazari c7e80d631df4d286c953ec748e5705e2 sali_pazari 8251030788_8f9380dc9d Salıpazarı